Monza, GP Italia 2011: Vettel e il giro della pole Getty Images

Il team condivide con noi tutti i pensieri dopo una gara memorabile: la prima vittoria a Monza è firmata Sebastian Vettel, posto speciale che già nel 2008 lo aveva lanciato nell'olimpo dei migliori al mondo.

Macchina 1, Sebastian Vettel, Posizione finale: 1° - Posizione iniziale: Pole
"E' stata una vittoria molto emozionante oggi. Questo circuito ha e avrà sempre un significato speciale per me. Qui ho conquistato la mia prima vittoria, quindi quando ho attraversato la linea del traguardo mi sono ricordato ogni singolo istante di quella del 2008. Il podio è stato incredibile qui; quando sali sopra al primo gradino ti senti grato, e questo non capita a molte persone. Ci sono migliaia di persone qui a Monza e li puoi vedere arrivare anche ora, persino dalla Curva Grande – è semplicemente incredibile. Questo circuito è stato duro da affrontare per noi negli ultimi due anni e invece...siamo tornati e abbiamo vinto! La macchina è stata superlativa in qualifica ieri, ed oggi è stata ancora migliore. La partenza non è stata perfetta, Fernando era improvvisamente lì accanto a me e non ho capito da dove è arrivato - e in un momento ci siamo trovati alla prima variante. Ho mantenuto il secondo posto e poi dopo la ripartenza ho effettuato un buon sorpasso su Alonso. Non mi ha lasciato molto spazio, quindi è stato molto divertente. Una grande gara per noi oggi e soprattutto nell'anno dei 150 anni dell'Unità d'Italia penso che il significato di questa vittoria acquisti ancora un'importanza superiore. Grazie a tutti i fan.”

Macchina 2, Mark Webber, Posizione finale: DNF, posizione iniziale: 5°
"Non ho effettuato una gran partenza, io e Jenson eravamo insieme, quindi ho perso alcune occasioni già al via. Anche quella di Sebastian non è stata perfetta, mentre quella di Fernando è stata fenomenale. Poi c'è stato il restart dopo la safety car, e stavolta sono stato bravo superando Jenson alla prima variante. Successivamente al giro dopo, stavo affiancando e superando Felipe, frenando all'esterno della prima curva per uscire all'interno dalla seconda. Probabilmente non ero in posizione perfetta per chiudere il sorpasso, e sono salito sul cordolo perdendo aderenza in frenata e toccando sfoortunatamente Felipe. Ho tentato poi di tornare ai box perdendo il minor tempo possibile; la macchina non andava così male durante il giro, poi però l'ala si è incastrata sotto e non sono più riuscito a frenare. Sono andato dritto alla Parabolica e lì è finita la mia corsa."

Christian Horner, Team Principal: “E' stata una gara fenomenale oggi. Vincere a Monza è un sogno che diventa realtà e oggi la performance di Sebastian è stata superlativa. Abbiamo fatto un ottimo lavoro ai pit stop, la strategia è stata solida e Seb ci ha regalato un sorpasso veramente coraggioso su Fernando dopo la safety car. Successivamente la gara è stata sempre sotto controllo. Sfoertunatamente la gara di Mark è giunta ad una prematura fine dopo un contatto con Felipe Massa. L'alettone frontale è finito sotto la macchina e quando Mark stava approcciando la parabolica cercando di perdere il minor tempo possibile, è purtroppo andato a sbattere impedendogli di arrivare a podio. Sono però sicuro che a Singapore ci riproverà. Una grande giornata per il team e un risultato fenomenale in un circuito che sulla carta per noi non era facile. Sfortunatamente in settimana abbiamo perso una grande parte del team, Erin Pezzella, una giovane donna che ha perso la sua coraggiosa battaglia contro il cancro. Oggi la vittoria è dedicata a lei.”

Cyril Dumont (Renault): “Sono molto orgoglioso. Vincere la gara è già qualcosa di fantastico, ma per un fornitore di motori vincere a Monza - beh...è la gara da vincere... - quindi questa vittoria ha un sapore speciale per noi. Anche grazie al nuovo accordo siglato con Red Bull questo weekend è stato tutto fantastico. Abbiamo lavorato insieme a loro per 5 anni e credo che la nostra collaborazione sia molto forte. Vettel oggi è stato super, ha mantenuto un passo impressionante. Voglio ringraziare tutte le persone che lavorano alla Renault e Red Bull Racing per le emozioni che ci hanno regalato oggi.”

 

 

Dettagli Articolo