La stagione Superenduro 2017 in Italia

Enrico Guala, deus ex machina della serie, ci racconta tutte le novità e come seguirla
di Red Bull Team

Con un nuovo calendario torna il circuito nazionale Superenduro, da maggio a ottobre. Saranno 5 le tappe - dall’Umbria, al Trentino Alto Adige, passando per la Valle d’Aosta, l’Emilia-Romagna e la Liguria - distribuite sul territorio e in gran parte inedite (scorri sotto per il calendario completo). Saranno tante le novità ideate dal team SuperEnduro: nuovi elementi di intrattenimento sui trail, e-Bike, villaggi EXPO, gravity school e le vecchie certezze come trail da urlo, pubblico delle grandi occasioni e tanta adrenalina. Enrico Guala, deus ex machina dell'evento, ci racconta le novità del 2017 (tra cui la partnership con Red Bull Bike) e cosa rende speciale questa disciplina agonistica della MTB.

Superenduro 2017: nuovi elementi di intrattenimento

SuperEnduro 2016 S. Caterina Valfurva
SuperEnduro 2016 S. Caterina Valfurva © SuperEnduro

Dopo lo stop del 2015 e la ripartenza nel 2016 dove abbiamo riportato i sentieri e la destinazione al centro del pensiero Superenduro, nel 2017 aggiungeremo nuovi elementi di intrattenimento durante le tappe. Una prima importante collaborazione è nata con la Gravity School di Luca Masserini, che terrà dei corsi dedicati nelle località ospitanti il weekend prima dell’evento. Un modo sicuramente interessante per i rider per provare le speciali con la “lettura” delle linee in base alle proprie capacità, ma anche un'occasione per capire come gestire al meglio la propria bici, sia muscolare sia a pedalata assistita, durante l’arco della gara.

La tappa vicino Perugia aggiunge il centro Italia al calendario

Da anni gli amici del centro e del sud ci chiedono di portare il Superenduro più vicino a loro. Abbiamo trovato nello staff dell’Avis di Gualdo, provincia di Perugia, un gruppo di grandi appassionati di bici e di Enduro e un paese medioevale di grande bellezza circondato da sentieri che definirei “gustosi”. Lo staff locale ha fatto diverse esperienze di organizzazione del AET (Appennino Enduro Trophy) e sarà uno splendido inizio per il circuito 2017.

A Varano con il Bike Summer Festival

SuperEnduro 2016 Canazei
SuperEnduro 2016 Canazei © SuperEnduro 2016 Canazei

La gara di Superenduro sarà il fiore all’occhiello di una serie di eventi sportivi che va dalla strada, al gravel, all’XC alla gara di scatto fisso: il tutto in un contesto in cui gli appassionati e il pubblico potranno vedere e provare moltissime bici e prodotti della stagione 2018.

Roc d'Azur e la Sea Otter: quando l'evento sportivo è associato all'evento fieristico

La prima volta che sono stato alla ROC d’Azur era il 1992. Non c’era ancora tutta la specializzazione di adesso, le bici facevano più o meno tutto e a fine stagione in riva al mare incontravi sia i cross contristi che i discesisti. Poi per 20 anni abbiamo avuto le fiere di settore, il cui modello oggi è in crisi. Eventi come il Bike Festival di Riva o la Sea Otter sono il modello a cui ci ispiriamo: mettere in relazione domanda e offerta in un contesto rilassato dove i visitatori sono protagonisti anche dal punto di vista della pratica e magari anche competitor nelle gare. Anche per questo ritengo che il Bike Summer Fest sarà un gran bell'evento.

Capitolo e-bike: anche quest'anno due competizioni dedicate

Vado in e-Bike ormai da 4 anni e lo scorso anno abbiamo voluto introdurre la categoria nel Superenduro perché ritenevamo indispensabile essere inclusivi e non esclusivi. La guida di una e-bike è un’esperienza diversa dalla guida di una MTB tradizionale.Per il 2017 del Superenduro manterremo la categoria, modificando alcuni tratti del percorso di gara per renderlo più interessante per gli e-biker. In due tappe, in collaborazione con gli amici di Bike-UP, daremo inoltre la possibilità a tutti i visitatori di provare sul campo le bici a pedalata assistita, con l’appoggio di guide e istruttori. Il Bike-UP Circus al Superenduro sarà di fatto un’estensione del villaggio EXPO, dedicato a tutte le aziende del mondo elettrico che avranno occasione di fare conoscere e testare i propri prodotti: sia ai racers del Superenduro sia al pubblico presente nelle località prescelte per questa attività, Canazei e La Thuile. Siamo convinti che sia il modo migliore per avvicinare anche coloro che mai avrebbero pensato di potere utilizzare una bici per raggiungere un rifugio in quota o semplicemente andare a seguire le spettacolari prove speciali del Superenduro, muovendosi in autonomia e velocità.

Le prospettive della disciplina Enduro a livello agonistico

Superenduro 2016 Canazei
Superenduro 2016 Canazei © Superenduro 2016 Canazei

L’enduro gode di ottima salute in Italia, ne sono la dimostrazione tutti i circuiti ragionali che vanno dal nord al sud. Le gare locali sono la base della disciplina, quelle che fanno avvicinare le persone allo sport. Se per molti anni il Superenduro è stato l’unico circuito di riferimento in Italia e anche l’unico modo per “provare” a fare enduro, oggi le possibilità sono davvero tante per chi vuole provare a correre senza dovere affrontare lunghe trasferte. È un bellissimo segnale che dimostra come la disciplina sia matura, radicata sui territori e molto sentita. E poi c’è il fenomeno delle crew di trailbuilding locali che puliscono, preparano e mantengono reti di sentieri in tutta Italia. Per la maggior parte si tratta di percorsi perfetti per le bici da enduro, che sono oggi la fetta più importante del mercato della MTB. A loro va un grazie speciale perché senza trail non ci sarebbe niente.

Cosa pensi delle competizioni, soprattutto in Francia, in cui viene lasciata una grande libertà di gestione senza alcuna imposizione o eventualmente con un tempo limite massimo in cui entrare in ogni speciale?

Superenduro 2016 Canazei
Superenduro 2016 Canazei © Superenduro 2016 Canazei

Ci sono due possibili “approcci” all’enduro. Uno più agonistico in cui le regole (tempi di trasferimento e procedure di partenza, per esempio) devono essere le stesse per tutti. Non puoi pensare di assegnare un titolo o semplicemente fare competere due rider con tempi e regole diverse per la stessa classifica. Quindi al Superenduro abbiamo sempre promosso e sostenuto questa visione dello sport. Il modo “alla francese” è stato sperimentato anche in Italia in gara ma senza successo. Perché lo si è proposto in gara. L’approccio alla francese, secondo me, va bene per un raduno in cui si possono anche prendere i tempi delle speciali ma il cui focus non sia la prestazione sportiva, ma l’aggregazione. 

Ufficializziamo la partnership con RedBull.com. Che cosa si devono aspettare i lettori?

Un sacco di bei racconti e contenuti speciali sugli eventi Superenduro.

IL CALENDARIO SUPERENDURO 2017

- Si parte il 21 Maggio con Gualdo Tadino in provincia di Perugia, Umbria.
- La stagione prosegue con la tappa in Trentino Alto Adige di Canazei il 18 Giugno, località già protagonista nel 2016. I ragazzi di FassaBike hanno già individuato e iniziato a lavorare alle nuove linee che tra le vette e i massicci dolomitici ospiteranno il secondo Round.
- Per la terza tappa la carovana Superenduro si sposterà il 16 Luglio a La Thuile in Valle d’Aosta, una località che ha recentemente scritto una delle più belle pagine della storia dell’Enduro Mondiale vincendo l’MTB Pinkbike Awards Enduro Race of the Year. Una delle gare più spettacolari e dure di tutto il calendario al cospetto di sua maestà il Monte Bianco.
- Il quarto Round vedrà per la prima volta il Superenduro legarsi all’evento fieristico Bike Summer Festival di Varano il 10 Settembre dando vita a un Event Village mai visto prima.
- Quinto e ultimo stop in terra Ligure il 22 Ottobre a S. Margherita Ligure, il posto giusto dove festeggiare in riva al mare la conclusione della nona stagione del Circuito Nazionale Superenduro e la seconda per la categoria E-MTB.

Info su Superenduromtb.comInstagram, Facebook 

Leggi di più
Prossima Storia