Il meglio del Red Bull Hare Scramble

Partiti in 500, arrivati in 14. Riviviamo le emozioni del Red Bull Hare Scramble 2013
di Red Bull Team
Pro tip: usa le frecce sulla tastiera per scorrere le foto
Pronti, via... la prima salita
Erzbergrodeo 2013 Eisenerz Austria Red Bull Hare Scramble collina di partenza
Pronti, via... la prima salita La prima collina sul percorso del Red Bull Hare Scramble 2013. Per molti è stata anche la fine della corsa © Jonty Edmunds
Graham Jarvis
Graham Jarvis E' una gara molto lunga, ma la partenza resta uno dei punti cruciali. Ecco il futuro vincitore, Graham Jarvis, con il suo numero 52. © Jonty Edmunds
Andreas Lettenbichler
Andreas Lettenbichler La Husqvarna del rider tedesco è stata a lungo in testa prima di subire il soprasso di Graham Jarvis. Alla fine Lettenbichler salirà sul secondo gradino del podio. © Jonty Edmunds
Ben Hemingway
Ben Hemingway Missione compiuta per i fratelli Hemingway tra i 14 rider che sono riusciti a portare a termine la gara. Ben (qui in foto) ha chiuso in 5a, Dan in 13esima © Jonty Edmunds
Ivan Cervantes
Ivan Cervantes Esordio in una gara Hard Enduro per Ivan Cervantes che ha chiuso in ottava posizione. © Jonty Edmunds
Naufragio in partenza ma grande rimonta per Walker
Erzbergrodeo 2013 Eisenerz Austria Red Bull Hare Scramble Jonny Walker
Naufragio in partenza ma grande rimonta per Walker Dopo aver vinto l'edizione 2012, nel 2013 le cose si mettono subito malissimo per Jonny Walker, a lungo impantanato in partenza. Ma una grande rimonta lo porta alla fine a sfiorare il podio © Jonty Edmunds
Alfredo Gomez
Alfredo Gomez Ottima la gara di Alfredo Gomez, compagno di squadra del vincitore Graham Jarvis. Lo spagnolo ha chiuso in terza posizione © Jonty Edmunds
Wade Young
Wade Young L'anno scorso vinse a sorpresa il Roof of Africa, quest'anno il rider sudafricano Wade Young ha centrato sulla sua Husaberg l'undicesima posizione dell'Erzberg Rodeo © Jonty Edmunds
Il Podio
Il Podio Il podio finale del Red Bull Hare Scramble 2013: 1) Graham Jarvis, 2) Andreas Lettenbichler, 3) Alfredo Gomez. © Jonty Edmunds