Due chiacchiere con Antonio Cairoli al Mugello

Abbiamo incontrato Tony nei paddock e abbiamo fatto una chiacchierata con lui
Antonio Cairoli passeggia prima della partenza © Red Bull Content Pool
di Red Bull Team

Abbiamo incontrato Antonio Cairoli al paddock, fin qui nulla di insolito, se non fosse che il paddock non era quello del mondiale Motocross bensì quello della MotoGP al Mugello. Ci ha parlato del suo rapporto con il mondo delle moto a gomme lisce e della suoi impegni a gomme artigliate.

Nel 2006 ho provato la Motogp di Valentino, è stato fantastico

Ciao Tony, come mai da queste parti, segui la MotoGP?
"Si la seguo in tv, quando posso vado a vedere le gare, è quasi meglio vederlo in tv.. dal vivo vedi poco! Seguo soprattutto i piloti italiani, Dovizioso, Valentino guardo anche le classi Moto2 e Moto3.

E gli altri?
Mi piace Marquez e penso sia un grande talento e che sicuramente possa fare bene, lo spero per lui.

Mai pensato di correre sull'asfalto?
Nel 2006 ho provato la MotoGP di Valentino, è stato fantastico perchè non tutti hanno avuto questa occasione, inoltre con le nuove regole non è più possibile farlo per cui mi ritengo fortunato. Ogni tanto mi è capitato di girare in pista con moto standard, in questo momento è difficile trovare il tempo però mi piacciono."

Tony Cairoli e Dani Pedrosa nei paddock al Mugello

Parliamo del tuo mondiale, come sta andando?

"Sta andando molto bene, quest'anno Paulin è l'avversario più forte, ha vinto due Gran Premi ma ci sono altri avversari agguerriti come Clement Desalle e Ken De Dycker, il mio compagno nel team KTM che stanno facendo bene, la stagione è ancora lunga per cui non possiamo fare programmi, dobbiamo concentrarci gara per gara."

Quest'anno Paulin è l'avversario più forte

Come fai quando la partenza va male o devi rimontare, cos'è che “scatta” nella tua mente per andare ancora più veloce, e riprendere i primi?

"Se parti bene, sei coi primi pensi a controllare e a non commettere errori, se parti male invece dai il 100% nei primi 4-5 giri per andare a riprendere i primi perchè altrimenti allungano ed è difficile andare a riprenderli, per cui in base alla partenza è diverso l'approccio al resto della gara."
 

Holeshot di Antonio Cairoli a Sevlievo 2013 © Red Bull Content Pool

Tra poco più di una settimana si correrà a Maggiora, come la vedi?

"Maggiora la vedo bene, è una pista storica nella quale ho corso nel 1999-2000 prima che chiudesse, ancora gareggiavo nel minicross, ora l'hanno un po cambiata si è un po rinnovata. Il GP d'Italia è sempre importante per noi, perchè sappiamo che il pubblico che verrà a vederci sarà molto e per noi piloti questo è importante, a maggior ragione il pubblico italiano che è sempre tra i più calorosi."

Allora speriamo vada come ad Arco di Trento... Grazie Tony, ci vediamo a Maggiora

"Ma, speriamo! Un saluto ai lettori di Red Bull.it, vi aspetto a Maggiora il 15-16 giugno!"
 

Leggi di più
Prossima Storia