Tutti i trucchi della moto di Tony

Vuoi una moto da campione? Ti serviranno degli utensili, un catalogo e il libretto degli assegni!
Tony Cairoli KTM Red Bull Tecnica
Antonio Cairoli © Archer R./KTM Images
di Adam Wheeler

Antonio Cairoli è il MX rider più forte del pianeta e come tale si merita la moto migliore, per tutti gli appassionati che sognano una moto come la sua, sappiate che è impossibile ma che potreste andarci molto vicino!

Abbiamo incontrato il Capo Tecnico del team KTM Dirk Gruebel che ci ha rivelato qualche trucco per rendere la vostra moto un po più simile a quella di Tony.

Sospensioni: Le forcelle factory di WP sono disponibili per i team satellti del paddock, le usano tutti, lo stesso il mono ammortizzatore, non sono certo economiche ma con 7.500 euro avrete sospensioni eccellenti ma non dimenticate che vi serviranno le apposite piastre o non ve ne farete niente!

Lo scrub di Antonio Cairoli a Uddevalla © Archer R./KTM Images

I cerchi:  DG:Usiamo cerchi diversi da quelli di serie, quelli del catalogo KTM Power Parts sono quelli che usiamo per correre, cambia da quelli di serie il mozzo più resistente ed il cerchio più leggero.

Il motore: DG: per il motore si può acquistare il kit comprendente pistone, biella, albero a camme, testa del cilindro, corpo farfallato e mappature. Così facendo avrete una moto molto simile a quella di Tony, le uniche cose che vi mancheranno saranno la scatola del cambio e gli ingranaggi factory. Questi elementi richiedono un'elaborazione fine e sono molto specifiche per il pilota. Il kit aumenta la potenza del motore in tutti i parametri, è più potente ai bassi medi e alti regimi.

Il cambio: DG: Il cambio della moto di Tony è costruito con materiali più resistenti e leggeri rispetto a quelli standard. Li scegliamo per il livello a cui competiamo ma i rapporti sono come quelli di serie. La moto di Antonio ha molta coppia per essere un 350, specialmente se comparata alla base del progetto da cui siamo partiti nel 2010.

Abbiamo fatto passi avanti ogni anno lavorando su guidabilità e potenza del motore per colmare il margine dovuto alla cilindrata inferiore in tracciati con salite come St. jean o Sevlievo.

La nostra moto è molto prestante ma necessita anche di molta manutenzione a causa delle sollecitazioni che i suoi componenti devono sopportare. Quali parti? Valvole, molle, camme e la testa richiedono sostituzioni frequenti. Anche il pistone soffre molto per l'elevata velocità.

Antonio Cairoli vola a Maggiora © Archer/KTM Images

Il serbatoio: DG: il serbatoio è quello standard, noi però usiamo un tappo con la vite all'esterno. Il telaietto sottostante inoltre è in titanio per risparmiare peso, è un pò costoso ed è difficile da reperire in commercio.

Le viti: DG: Utilizziamo un kit di viti in titanio, scelta poco economica ma ogni vite è circa la metà rispetto a quella in acciaio. Il risparmio di peso complessivo è di circa 3,5 kg.

Plastiche ecc.: DG: Le plastiche sono le stesse di quelle di serie, solo la sella è diversa perchè Tony preferisce guidare un pò arretrato e quella di serie non era congeniale avendo poca spugna in quel punto. A volte gli dico che sembra in sella ad un chopper! La spugna è più leggera di quella normale e la utlizziamo per una o due gare prima di cambiarla. Le manopole e il manubrio sono Renthal e si possono trovare facilmente nei negozi così come le pedane in titanio.

IN QUESTA STORIA
Antonio Cairoli
Leggi di più
Prossima Storia