Dakar giorno 7: The Long and Winding Road

Dopo un giorno di riposo, si torna in strada per la settima tappa del rally raid
di Tim Sturtridge

Il giorno di riposo a Salta ha offerto agli eroici protagonisti della Dakar 2014 l’opportunità di fare un bilancio della situazione dopo 7 giorni di corsa senza respiro. Dopo 24 ore di messa a punto meccanica e di ricarica delle batterie, si è quindi tornati a gareggiare, con le solite tante emozioni, in ognuna delle 4 categorie.
Tra i camion, il campione in carica Eduard Nikolaev è stato il più veloce sui 525km del percorso disegnato attorno al bivacco di Salta. Per il capofila del team Kamaz Master è arrivato così il primo successo di tappa di questa edizione, che tiene vive le speranze di difendere il titolo. Nikolaev non è però riuscito a seminare Gerard de Rooy, leader della classifica generale. L’olandese ha perso solo 4 minuti dal russo, e sembra determinato a difendere con le unghie il suo vantaggio di un’ora nella seconda settimana.

Le macchine hanno seguito lo stesso percorso dei camion, e a prevalere è stato il vincitore del 2010 Carlos Sainz, al secondo successo di giornata. Il modo migliore per ripartire per il Red Bull SMG Rally Team, dopo il giorno di riposo e le vicissitudini del quinto e sesto giorno di gara. Carlos ha recuperato 8 minuti sul leader Nani Roma nella classifica generale.

Per moto e quad la tappa sette ha segnato invece l’inizio della seconda marathon stage di questa Dakar, oltre che il primo sconfinamento del rally in terra boliviana. Le nuvole basse al mattino hanno impedito il decollo agli elicotteri che accompagnano i concorrenti, cosa che ha indotto gli organizzatori ad accorciare il percorso rispetto ai 400 km previsti.
Quando la polvere alla fine si è depositata sulle moto ormai spente, il tempo più veloce è stato fatto registrare da Joan Barreda, con soli 4 minuti di vantaggio su Marc Coma che mantiene la testa della generale. Su tempi simili ha viaggiato anche Cyril Despres, che col terzo posto di oggi recupera in classifica entrando in top10.

Ignacio Casale, infine, ha controllato la gara dei quad in questa prima tappa boliviana nella storia della Dakar. Casale si presenterà così da leader nelle tappe di casa, quelle su suolo cileno, dove dovrà difendersi dagli attacchi dell’uruguaiano Sergio Lafuente e del polacco Rafal Sonik che lo seguono in classifica.

> Le classifiche dopo la settima tappa
> Il percorso della Dakar 2014

dakar 2014 eduard nikolaev team kamaz master
Eduard Nikolaev al primo successo del 2014 © Marcelo Maragni/Red Bull Content Pool
Leggi di più
Prossima Storia