La corsa di Sainz finisce alla decima tappa

Un banale incidente durante un tratto di collegamento costringe al ritiro lo spagnolo
© Marcelo Maragni/Red Bull Content Pool
di Tim Sturtridge

I 450 km di prova speciale hanno portato la carovana della Dakar 2014 da Iquique ad Antofagasta, attraversando il deserto di Atacama in direzione sud. Pericolose trappole di sabbia erano disseminate lungo la strada, una sabbia finissima e appiccicosa nota come fesh fesh, sempre pronta a mettere il bastone tra le ruote dei concorrenti.
Tra le moto, giornata di gloria per il team HRC, con Joan Barreda e Helder Rodrigues che hanno guidato il gruppo sulle loro CFR450. La vittoria è andata a Barreda, con 8 minuti di vantaggio sul compagno, mentre Cyril Despres ha conquistato un altro terzo posto davanti a Olivier Pain. Il quinto posto di tappa ha permesso a Marc Coma di mantenere la testa della classifica con la sua Red Bull KTM.

Classifica moto dopo 10 tappe
1. Marc Coma, KTM, 41:48:33
2. Joan Barreda, Honda, + 00:44:10
3. Jordi Viladoms, KTM, + 02:02:03

Ignacio Casale e Sergio Lafuente, leader nella gara dei quad, hanno entrambi avuto difficoltà di navigazione in questa decima tappa. La coppia di sudamericani si è persa dopo 25 km di prova speciale, ma è riuscita a ritrovare la strada in tempo per mantenere le posizioni di testa in classifica. Casale ha chiuso secondo, Lafuente terzo, mentre il successo parziale è andato al russo Sergey Karyakin.

Classifica quad dopo 10 tappe
1. Ignacio Casale, Yamaha, 51:54:19
2. Sergio Lafuente, Yamaha, + 00:24:36
3. Rafal Sonik, Yamaha, + 01:15:05
 

Carlos Sainz Dakar 2014 tappa 10 Red Bull SMG Buggy Team
Fine della corsa per Sainz © Marcelo Maragni/Red Bull Content Pool

Tra le macchine, è stato Nasser al-Attiyah a salire alla ribalta, chiudendo primo sul traguardo di Antofagasta davanti alle altre due Mini di Stephane Peterhansel e Nani Roma, e alla Toyota del sudafricano Giniel de Villiers, vincitore nel 2009.
La notizia del giorno è però il ritiro della coppia del Red Bull SMG Rally Team, Carlos Sainz e Timo Gottschalk. Colpa di un incidente banale nel percorso di collegamento tra i due tratti di speciali cronometrate previsti in questa tappa, come racconta il pilota spagnolo: “Siamo rimasti a corto di benzina dopo il primo tratto di speciale, per cui abbiamo lasciato il tracciato per cercare una stazione. Fatto rifornimento, stavamo andando veloci per presentarci al via del secondo tratto cronometrato, quando ci siamo improvvisamente trovati davanti una curva che era nascosta da una roccia e siamo andati dritti. Ci siamo cappottati un paio di volte e purtroppo questa volta Timo non ha potuto far nulla per rimettere a posto il Buggy in tempo per la ripartenza della gara. Siamo delusi, ma è la riprova che alla Dakar le sorprese sono sempre in agguato”.

Classifica macchine dopo 10 tappe
1. Roma/Perin, Mini, 38:52:57
2. Peterhansel/Cottret, Mini, + 00:02:15
3. Al-Attiyah/Cruz, Mini, + 00:46:01

L’attacco di Andrey Karginov e del suo camion Kamaz Master è continuato anche in questa tappa, con il russo che ancora una volta è riuscito a rosicchiare minuti al leader di categoria Gerard De Rooy. Karginov ha chiuso secondo a 37’’ dal Tatra di Loprais, De Rooy terzo a oltre 5’30’’ dal rivale, e in classifica il distacco è ora di meno di 8 minuti. E la caccia continuerà nelle ultime 3 giornate.

Classifica camion dopo 10 tappe
1. De Rooy/Colsoul/Rodewald, Iveco, 41:54:50
2. Karginov/Mokeev/Devyatkin, KAMAZ, + 00:07:55
3. Nikolaev/Yakovlev/Rybakov, KAMAZ, + 01:29:28

Leggi di più
Prossima Storia