Finale di Dakar tra polemiche e gialli

Coma trionfa nelle moto, gli ordini di scuderia decidono la gara delle macchine
© Marcelo Maragni/Red Bull Content Pool
di Tom Bellingham

Il grande momento di forma di Cyril Despres è continuato anche nella 13esima e ultima tappa della Dakar 2014, ma la vittoria finale, come era ormai chiaro da giorni, è andata a Marc Coma, cui è bastato il 18esimo posto nell’atto conclusivo per festeggiare un successo che mancava dal 2011.
Despres alla fine ha mancato anche il successo di giornata, a causa di una penalità di 5 minuti che, in uno stage relativamente agevole caratterizzato da distacchi molto contenuti, l’ha portato a retrocedere in quinta posizione. La tappa è andata così a Joan Barreda, vero calimero di questa Dakar. Lo spagnolo della Honda ha vinto ben 5 prove, rimanendo a lungo sulle tracce di Coma, fino al disastro della 12esima tappa. Alla fine deve accontentarsi di un settimo posto in classifica generale. Alle spalle di Coma si piazza Jordi Viladoms, sempre su KTM, mentre col secondo posto (terzo prima della penalità di Despres) dell’ultimo giorno il francese della Yamaha Olivier Pain conquista l’ultimo gradino del podio, proprio a spese di Despres.

Classifica finale moto
1. Marc Coma - KTM - 54.50'53"
2. Jordi Viladoms - KTM - +1.52'27"
3. Olivier Pain - Yamaha - +2.00'03"

Marc Coma Red Bull KTM team Dakar 2014
Marc Coma vince la Dakar per la quarta volta © DPPI

Farà discutere a lungo il finale della Dakar delle auto. Nell’ultima tappa a vincere sono stati gli ordini di scuderia, quelli che erano arrivati dal team Mini X-Raid già giovedì: Stéphane Peterhansel, protagonista nella 12esima tappa del sorpasso “ribelle” ai danni di Nani Roma, ha infatti restituito la posizione, aspettando i compagni di squadra a 24 km dall'arrivo per celebrare la tripletta Mini in parata. Alla fine, nella generale Roma ha vinto con 5'38" su Peterhansel e con 56'52" su Nasser Al-Attiyah. La vittoria di tappa è andata invece al sudafricano De Villiers su Toyota, che ha così difeso il quarto posto complessivo.
Al traguardo Peterhansel, che era a caccia del dodicesimo successo nella Dakar, non ha fatto molto per nascondere la delusione: “Non faccio polemica però quello che mi dispiace un po' è che abbiamo battagliato come dei pazzi per cinque giorni per recuperare le posizioni e il tempo che avevamo perduto con le forature. Se fin dall'inizio l'idea era quella di far vincere Nani Roma bastava saperlo”.
Per Roma si trratta invece di un successo storico: lo spagnolo è il terzo nella storia del rally a vincere sia su due ruote (nel 2004) che su quattro. Impresa riuscita allo stesso Peterhansel e a Hubert Auriol.

Classifica finale auto
1. Roma/Perin - Mini - 50.44'58"
2. Peterhansel/Cottret - Mini - +5'38"
3. Al-Attiyah/Cruz - Mini - +56'52"

Dakar 2014 Andrey Karginov Kamaz Master Team
Andrey Karginov vince tra i camion © Marcelo Maragni/Red Bull Content Pool

Finale all’insegna del giallo invece nella categoria camion, dove è stata vera battaglia fino all’ultimo chilometro di corsa. Anzi, fin dopo il traguardo. Col secondo posto di giornata dietro al Tatra di Loprais, l’olandese de Rooy su Iveco ha accarezzato per qualche ora l’idea di aver vinto la Dakar, scavalcando Andrey Karginov arrivato 12 minuti dopo il rivale. Nel tragitto il suo Kamaz si era però fermato per soccorrere un altro equipaggio: la giuria della gara ha quindi deciso, come da regolamento, di togliere dal risultato finale del russo il tempo della neutralizzazione. Karginov ha così recuperato 5 minuti, sufficienti per laurerarsi campione.

Classifica finale camion
1. Karginov/Mokeev/Devyatkin –Kamaz - +55.00’28”
2. De Rooy/Colsoul/Rodenwald – Iveco Torpedo – +3’11”
3. Nikolaev/Yakovlev/Rybakov – Kamaz - +1.34’52”

Tutto più tranquillo, ormai da giorni, nella gara dei quad. Vincendo anche l’ultima tappa in volata su Sebastian Husseini, Ignacio Casale legittima, se mai ce ne fosse stato bisogno, il successo finale.

Classifica finale quad
1. Ignacio Casale - Yamaha - 68.28'04"
2. Rafal Sonik - Yamaha - +1.26'49"
3. Sebastian Husseini - Honda - +5.40'24"

Leggi di più
Prossima Storia