KTM SXF 450 di Ken Roczen: scopriamola

Ti mostriamo nel dettaglio una delle moto più invidiate del panorama offroad mondiale
di Red Bull Team
Pro tip: usa le frecce sulla tastiera per scorrere le foto
Ken Roczen KTM 450 SXF: dentro e fuori
Ken Roczen KTM 450 SXF: dentro e fuori Non è la prima volta che Ken Roczen sale su una 450. Nel 2012 e nel 2013 ha infatti preso parte ad alcune tappe del Motocross World Championship e al Red Bull Give Me 5 in Spagna. © S. Cudby/Pablo Bueno
Nessun problema di adattamento
Nessun problema di adattamento Dopo due anni nella 250, il diciannovenne Ken Roczen ha scelto la Factory KTM 450 SXF per misurarsi con i big. Il tedesco, rookie della classe, non ha problemi a competere con i primi e ha vinto al debutto nel Supercross AMA 2014. © S. Cudby
Spingere al limite il motore delle KTM 450
Spingere al limite il motore delle KTM 450 Lavorare sul motore non significa solo ricavare più potenza; è altrettanto vitale risparmiare peso. Il carter in magnesio della KTM 450 di Kenny è studiato proprio per quest'ultimo aspetto. © S. Cudby
Il mono ammortizzatore pneumatico è un precursore
Il mono ammortizzatore pneumatico è un precursore Il mono ammortizzatore pneumatico è una grande novità sulla SXF. Il Factory Team ha provato il mono ammortizzatore pneumatico nei test pre stagionali, mentre i team satellite lo utilizzano già in gara. © S. Cudby
L'altro faccia della moneta
L'altro faccia della moneta A differenza dei piloti del MXGP Tony Cairoli e Ken De Dycker, Roczen e Ryan Dungey utilizzano piastre ricavate dal pieno Nekken sulle loro KTM. © S. Cudby
Più dura possibile
Più dura possibile Per scongiurare eventuali rischi, i cerchi DID montano raggi più grossi e mozzi lavorati. © S. Cudby