I magnifici 10 del Red Bull Hare Scramble

Jonny Walker conquista la 20esima edizione dell'Hare Scramble, ma non è l'unico a mettersi in mostra
© Philip Platzer/Red Bull Content Pool
di Robert Lynn

Con il Gigante di ferro immerso in condizioni meteo pressoché perfette, i 500 piloti al via del Red Bull Hare Scramble sono scattati dalla linea di patenza, al fondo della cava, sotto un cielo terso. E fin dai primi metri si è capito che Jonny Walker era in grande forma, capace di andare subito all’attacco e conquistare la testa del gruppo.

Superando in agilità ogni ostacolo e ognuna delle intricate sezioni del percorso, Walker si è via via costruito un vantaggio di 15 minuti che gli ha permesso di conquistare per la seconda volta il Red Bull Hare Scramble all'ErzbergRodeo.

Mi sentivo in palla e ho dato tutto quel che avevo

“Ero convinto di poter vincere la gara, ed è quello che ho cercato di fare fin dalla partenza” è stato il commento a caldo, all’arrivo, di un Walker in estasi. “Mi sono allenato come un matto fin dal Tough One, mi sentivo pronto e ho dato tutto quello che avevo. In gara è andato tutto per il meglio, non ho praticamente fatto errori e ho raggiunto l’obiettivo. Sono così felice adesso, avevo proprio bisogno di una giornata come questa!”

Da campione in carica, ci si aspettava che Graham Jarvis potesse lottare con Walker per la vittoria, ma un incidente nelle fasi iniziali, all’uscita della cava, l’ha relegato nelle retrovie. Jarvis non s’è arreso e ora della sezione rocciosa nota come Carl’s Diner aveva già recuperato sul resto del gruppo… ad eccezione di Walker, che era ormai una nuvola di polvere in lontananza.
Il compagno di Walker in KTM, Andreas Lettenbichler, ha conquistato un altro podio nella sfida al monte Erzberg. Secondo nelle fasi iniziali della gara, Lettenbichler non ha potuto resistere al ritorno di Jarvis, chiudendo terzo al traguardo.
Dietro il trio di testa, la battaglia per le posizioni ai piedi del podio ha visto impegnati Alfredo Gomez e Paul Bolton, con lo spagnolo che alla fine è riuscito a prevalere di pochi metri sull’inglese.

Lento in avvio, Dougie Lampkin ha iniziato a trovare il ritmo quando si è entrati nell’insidiosa sezione del bosco, risalendo la corrente fino alla sesta posizione.
Cory Graffunder, reduce dal lungo viaggio dal Canada all’Austria, ha finito al settimo posto, mentre Ben Hemingway ha aggiunto un ottavo posto alla sua crescente collezione di gare completate al Red Bull Hare Scramble.

Per gli ultimi due posti in top 10 si sono invece ritrovati a duellare due rookie, Taylor Robert e Cody Webb, col primo che ha avuto la meglio per pochi secondi piazzandosi nono.
Chi non ha avuto la giornata che si aspettava è stato invece David Knight. Una brutta partenza l’ha costretto a lottare in mezzo al gruppo, prima che i problemi alla moto lo costringessero a chiudere in anticipo la sua sfida al Gigante di ferro.

IN QUESTA STORIA
Erzbergrodeo 2014, Dougie Lampkin
Leggi di più