Ken il tedesco alla conquista dell'America

Al giro di boa della stagione 2014, Ken Roczen è già pronto a reclamare il titolo AMA MX
Red Bull KTM rider Ken Roczen has come of age in the AMA Pro National series.
Ken Roczen vola sulla sabbia di Hangtown © Garth Milan
di Aaron Hansel

Terzo posto. E’ il peggior piazzamento ottenuto finora da Ken Roczen, del Red Bull KTM Team, in questa prima parte di stagione dell’AMA Motocross. Sì avete letto bene, “peggiore”, e non è un errore. In 12 manche, il peggiore piazzamento di Ken è stato il terzo posto, ed è successo solo una volta. Nelle altre gare, ha collezionato 5 secondi posti e 6 vittorie, correndo contro i migliori rider degli Stati Uniti.

Che sta succedendo insomma? Com’è possibile che un tedesco di 20 anni, alla sua prima stagione oltreoceano, domini in questo modo l’elite delll’MX americano?

Potremmo attribuire la cosa al fatto che, oltre a essere un pilota incredibilmente dotato, Ken guida una delle migliori moto al mondo, supportato da uno dei team più esperti (che include il grande Roger De Coster), ma tutto questo era vero anche l’anno scorso, quando Roczen veniva regolarmente battuto da Eli Tomac.
Potrebbe forse, questo dominio, avere a che fare con le temperature di un’estate molto più fresca del normale? “Il tempo è stato davvero clemente quest’anno”, dice Roczen a proposito. “Non ha fatto per nulla caldo, e per chi come me vive in Florida è un bene, perché lì in questa stagione può davvero esserci un clima torrido e umido, che non aiuta gli allenamenti”.

Il bel tempo è una cosa grandiosa, ma lo è per tutti, e le temperature più fresche non possono avere più di tanto merito sull’exploit di Roczen.La semplice verità è che Ken ha lavorato e sta lavorando durissimo, è sereno e pieno di fiducia nei propri mezzi. “Non ci si può credere a quanto sia bello semplicemente uscire in pista e riuscire ad andare al massimo. Ed è proprio vero, più vai forte più vuoi continuare a farlo, riuscendoci”, ha detto Roczen dopo la sesta tappa dell’AMA MX 2014 al Red Bull RedBud National, in Michigan, di cui qui sopra potete vedere gli highlight. ”E’ una sensazione grandiosa, vedere in gara i risultati del duro lavoro che sto facendo. Al momento mi sento davvero forte, in maniera quasi insana. E ho sempre la sensazione di avere ancora qualcosa da dare, in caso di bisogno, di non essere al massimo insomma. Non vedo l’ora che arrivi il prossimo weekend per tornare a gareggiare. E’ meraviglioso uscire in pista e sentirsi l’uomo da battere.

Ken non mostra alcun segno di voler rallentare, anzi punta a una seconda metà di stagione ancora più brillante della prima. “Mi piacciono tutte le piste ancora in calendario, sono eccitato all’idea di correrci. Voglio solo mantenermi su questi livelli, continuare a fare quello che ho fatto finora, e tutto andrà per il meglio”.

Leggi di più