Video: Piacere, Justin Hill

Andiamo a conoscere meglio il nuovo acqusito del Red Bull KTM team
© Garth Milan
di Eric Wright

Per gran parte della sua carriera, Justin Hill è stato presentato come “il fratellino di Josh Hill”. Il motocross è spesso un affare di famiglia, per cui non è raro il caso di famiglie che si ritrovano ad allevare più di un vandalo delle due ruote, ritrovandosi in casa magari un bel giorno due o più stelle delle ruote tassellate. Nel caso degli Hill, il fratello più grande, Josh si è dimostrato subito un prodigio tanto da essere presto preso dalle categorie dilettanti per essere subito buttato tra i pro, in sella a una moto ufficiale, con contratti di quelli importanti. Per Justin, il percorso è stato un po’ diverso. Il più giovane di fratelli Hill non si è mai messo particolarmente in mostra tra i dilettanti - a parte qualche buon risultato in gare come Loretta Lynn’s o Mini O’s. In effetti, ha iniziato a ricevere un serio supporto solo nel suo ultimo anno da dilettante col Team Green, il programma ufficiale Kawasaki rivolto appunto ai non professionisti.

Con l’avvicinarsi della stagione 2013, Mitch Payton ha cominciato a vedere qualità speciali in Justin e ha deciso di dare al pilota nativo di Yoncalla, Oregon un’opportunità con il suo team d’elite Pro Circuit Kawasaki. Una scelta che ha spinto alcuni esperti della scena MX americana a scuotere la testa: il fratellino di Josh Hill su una Kawa Pro Circuit? Ma che idea è?
Qualcuno in quell’occasione pensò anche di rivolgersi a Josh, chiedendo il suo parere sul debutto tra i pro del fratello. Josh ha sempre sostenuto che Justin è prima di tutto un gran lavoratore, capace di sopperire a ogni eventuale lacuna in termini di talento con ore e ore di allenamenti massacranti, in palestra o in sella alla moto (possiamo farcene un’idea nel video qui sopra).

Justin Hill in gara alla Monster Cup in Las Vegas
Justin Hill in azione a Las Vegas © Garth Milan

Salto in avanti di due anni, ed ecco che ritroviamo Justin capace di giocarsela con i grandi di questo sport. Dopo poche settimane in sella alla sua nuova moto del team Red Bull KTM, Justin si è messo in evidenza al Red Bull Straight Rythm e al Mec di Las Vegas, con risultati brillanti. In effetti, i due secondi posti ottenuti a Vegas sono stati i primi due risultati ufficiali come professionista nella classe 450. In quell’occasione, Justin, alla prima su una moto grossa, ha battuto gente del calibro di Ryan Dungey, Malcolm Stewart, Eli Tomac e Dean Wilson. Ora si prepara a tornare in 250 per la nuova stagione del Supercross. Nel 2014 vinse un round (oltre allo spareggio nella finale di Las vegas in maggio), e dopo aver visto quel che gli abbiamo visto fare sulla moto arancione, ci si aspetta di vederlo tra i protagonisti del campionato.

Justin Hill Red Bull KTM Whip MEC
Justin Hill vola su una 450 al MEC © Garth Milan/Red Bull Content Pool

Vuoi avere il mondo di RedBull.com sempre a portata di mano? Scarica l’app su RedBull.com/app

Leggi di più
Prossima Storia