Dakar 2015: assolo di Barreda e Al-Attiyah

Coma resiste alle Honda e allunga mentre il Principe del Qatar vola indisturbato
di Red Bull Team

Con la partenza dalle famose Salinas Grandes a oltre 3600m sul livello del mare, è stata l’altitudine la grande avversaria nella decima tappa dei partecipanti della Dakar 2015. La carovana è tornata in Argentina dopo 371 km molto tecnici per moto e quad (13 km in meno per auto e camion) con la parte finale della frazione che si preannunciava particolarmente dura.

Tra le due ruote a spuntarla è stato ancora una volta Joan Barreda. Senza più ambizioni di classifica, staziona ad oltre quattro ore e mezzo dalla vetta, lo spagnolo della Honda è passato per primo a tutti i checkpoint della tappa chiudendo con oltre un minuto e mezzo di vantaggio sul leader della classifica Marc Coma. Grazie al secondo posto, il catalano della KTM allunga su Paulo Gonçalves, l’unico che sembra potergli strappare la vittoria di questa edizione. Il porthoghese della HRC ha chiuso quinto perdendo altri due minuti da Coma. Davanti a lui anche il rookie australiano Toby Price e Ruben Faria. Ritiro per il rookie austriaco Matthias Walkner: il tre volte campione del mondo MX1-MX3 ha alzato bandiera bianca per uno stato influenzale abbandonando la gara alla fine del trasferimento che portava alla speciale.

Classifica decima tappa:
1. Joan Barreda (Honda), 11s 4h 7m
2. Marc Coma (KTM), + 1m 39s
3. Ruben Faria (KTM), + 1m 57s
4. Toby Price (KTM), + 2m 14s
5. Paulo Gonçalves (Honda), + 3m 46s

Classifica provvisoria:
1. Marc Coma (KTM), 50 38h 13m
2. Paulo Gonçalves (Honda), + 7m 35s
3. Pablo Quintanilla (KTM), + 31m 42s
4. Toby Price (KTM), + 6s 32m
5. Stefan Svitko (KTM), + 45m 19s

© Marcelo Maragni/Red Bull Content Pool

Continua il dominio tra le quattro ruote di Nasser Al-Attiyah. Il 44enne pilota del Qatar Rally Team ha centrato la quarta vittoria di tappa alla Dakar 2015. Il successo non è mai stato in dubbio per il vincitore della Dakar 2011 che è andato in fuga fin dai primi chilometri e ha resistito alla rimonta di Orlando Terranova, secondo a oltre un minuto e mezzo. Al-Attiyah ha aumentato di quattro minuti il suo vantaggio nella classifica generale sul rivale Giniel de Villiers. Il pilota sudafricano della Toyota, infatti, ha chiuso solo al quinto posto nel tentativo di mettere pressione al leader della corsa. Un destino toccato anche al saudita Yazeed Al-Rajhi, che mantiene il terzo posto in classifica ma cede quasi quattro minuti a un Al-Attiyah che sembra sempre pià involato verso il successo finale.

Classifica decima tappa:
1. Nasser Al-Attiyah (Qatar Rally Team) 59s 3h 49m
2. Orlando Terranova (Mini) + 1m 35s
3. Yazeed Al-Rajhi (Toyota), + 3m 39s
4. Leeroy Poulter (Toyota) + 4m 6s
5. Giniel de Villiers (Toyota), + 4m 24s

Classifica provvisoria:
1. Nasser Al-Attiyah (Qatar Rally Team) 37s 35h 19m
2. Giniel de Villiers (Toyota) + 28m 22s
3. Yazeed Al-Rajhi (Toyota) + 43m 8s
4. Krzysztof Holowczyc (Mini) + 1h 23m 42s
5. Erik van Loon (Mini) + 2h 51m 13s

Il leader della Dakar 2015 Nasser Al-Attiyah impegnato durante la decima tappa
Dakar 2015 Tappa 10 Nasser Al-Attiyah © Marcelo Maragni/Red Bull Content Pool

Stéphane Peterhansel è stato il primo pilota del Team Peugeot Total ad arrivare al traguardo. La Peugeot 2008 DKR di Monsiuer Dakar è arrivata settima, a poco più di sette minuti dal vincitore. Se non fosse stato per i gravi problemi durante la tappa di martedì, Monsiuer Dakar sarebbe senza dubbio in lotta per un posto nella top five. Prova positiva anche per il compagno di squadra Cyril Despres: il francese, esordiente sulle quattro ruote, non è riuscito a replicare l’ottimo nono posto della nona tappa ma ha chiuso con un onorevole 22esima posizione considerando le condizioni del tutto nuove che si è trovato di fronte.

Il pilota francese Stephane Peterhansel beve una lattina di Red Bull energy drink al Rally Raid Dakar 2015
Stephane Peterhansel con il Team Peugeot Total © Red Bull Content Pool

Eduard Nikolaev ha conquistato la sua sesta vittoria di tappa dopo una serrata battaglia con il compagno e leader di classifica Ayrat Mardeev. I due piloti russi del Team Kamaz sono arrivati al traguardo separati da soli 49 secondi con Nikolaev che ha recuperato solo una piccola parte del gap che lo separa dalla vetta dove Mardeev conserva ancora 13 minuti abbondanti. Il terzo gradino del podio è completato dal bielorusso Siarhei Viazovich che ha chiuso a poco più di un minuto dal vincitore.

Classifica decima tappa:
1. Eduard Nikolaev (Kamaz) 17s 4h 18m
2. Ayrat Mardeev (KAMAZ) + 49s
3. Siarhei Viazovich (MAZ) + 1m 19s
4. Ales Loprais (MAN) + 42s 4m
5. Gerard de Rooy (MAN) + 19s 5m

Classifica provvisoria:
1. Ayrat Mardeev (Kamaz) 56s 36h 11m
2. Eduard Nikolaev (Kamaz) + 13m 21s
3. Andrey Karginov (Kamaz) + 42m 46s
4. Ales Loprais (MAN) + 1h 22m 10s
5. Dmitry Sotkinov (KAMAZ) + 2h 19m 4s
Ayrat Mardeev- Dakar 2015 Tappa 10

Il pilota russo Ayrat Mardeev impegnato con il suo KAMAZ nella decima tappa della Dakar 2015
Dakar 2015 Tappa 10 Ayrat Mardeev © Marcelo Maragni/Red Bull Content Pool

Joan Barreda: 

E 'stata una giornata davvero difficile. Abbiamo fatto una buona partenza e tenuto il ritmo alto.


"E 'un peccato che le mie possibilità di vincere nel complesso siano svanite ma ora devo continuare a lottare per i successi di tappa".

Hélder Rodrigues:

Oggi era fondamentale completare la tappa senza danneggiare il motore. I tre piloti del team sono tutti in una posizione ottima ed è fantastico!


"Sono stato io a spingere. Non era troppo difficile, ma ho dovuto fare attenzione e rimanere concentratio Il mio obiettivo era solo per arrivare al traguardo".

Marc Coma:

E' molto importante rimanere concentrati e determinati. e cercare di mettersi alle spalle l'altitudine.

"Dopo tanti giorni sulla moto, la più grande battaglia è mentale."

Nasser Al-Attiyah:

Non è stata una giornata facile. Sono molto contento di come sono andate le cose. Speriamo che possa andare avanti così!

Il pilota spagnolo della Honda Joan Barreda nella decima tappa della Dakar 2015
Dakar 2015 Tappa 10 Foto 1 Joan Barreda © Marcelo Maragni/Red Bull Content Pool

Tappa 11: Giovedi 15 gennaio

Salta - Termas de Río Hondo

Collegamento: 326 km - Speciale: 194 km

Dopo la leggendaria Ruta 40, i concorrenti dovranno mettersi alle spalle i paesaggi di straordinaria bellezza e concentrarsi sui tratti veloci che li attendono. A questo punto del rally la battaglia diventa per lo più mentale ed è fondamentale porre attenzione a tutte le possibili sfide, che in questa fase potrebbero essere rappresentate dalla forma degli alberi che costeggiano il percorso.

IN QUESTA STORIA
Dakar 2015
Leggi di più
Prossima Storia