Training like a pro: Dungey e Musquin

Aldon Baker, trainer dei campioni MX, ci racconta la preparazione dei due piloti Red Bull KTM
di Red Bull Team

Se vi fermaste a guardare Ryan Dungey e Marvin Musquin non capireste mai quanto è impegnativo il motocross. Anche dopo una gara i due piloti Red Bull KTM sembrano pronti a riproiettarsi dentro una serata di corse! Forse perché entrambi sono allenati da Aldon Baker, uno dei migliori e più esperti preparatori del settore.

Per saperne di più, ci siamo rivolti direttamente a Baker, per chiedergli come riesce a fare in modo che Dungey e Musquin siano pronti alle intense prestazioni cardiovascolari richieste dalle gare.

Ryan Dungey e Marvin Musquin, i piloti Red Bull KTM
Dungey e Marvin Musquin © Cubdy S./Red Bull Content Pool

I metodi

Secondo Aldon Baker ci sono tre metodi principali per raggiungere una buona preparazione cardiovascolare: nuoto, corsa e ciclismo. Aldon considera la bicicletta l’allenamento più efficace per mantenere Ryan Dungey, Marvin Musquin e il resto dei suoi atleti di punta in forma smagliante.

"Quello che si adatta meglio alle esigenze di un rider di motocross è il ciclismo. Anche la corsa è utile, ma il ciclismo sottopone il corpo a meno sollecitazioni traumatiche, qualcosa di cui i ragazzi non hanno proprio bisogno, perché ne incassano già molte quando sono sulla moto. E' anche più facile praticarlo in zone dove non si possono usare le moto, e sembra davvero molto utile per i pilotii".

Ryan Dungey Marvin Musquin, come si allenano i piloti Red Bull KTM
Ryan Dungey and Marvin Musquin: il metodo © DomDaher/Red Bull Content Pool

Il carico di lavoro

Il corpo di ogni atleta è diverso, quindi bisogna trovare la giusta quantità di lavoro per ogni individuo. Prima dell'inizio della preparazione, Baker valuta le eisgenze di ogni atleta in modo da ottimizzare i programmi individuali. Poi continua a monitorare la loro condizione fisica e regola di conseguenza i suoi parametri per assicurarsi che siano sempre sulla strada giusta.

"Il lavoro varia per tutta la stagione, a seconda del tipo di carico che eseguono già durante la gare, ma praticamente fanno lavoro sulla frequenza cardiaca ogni giorno della settimana", spiega Baker. "Quando sono in bicicletta non imposto un chilometraggio stabilito, perché il corpo non lo ricorda, ricorda il tempo. Tutto è legato al tempo, che varia da un'ora a due ore e mezza al giorno. Nei mesi in cui non ci sono gare, trascorriamo molte più ore sulla bicicletta, ma anche nei giorni leggeri possiamo aspettarci un allenamento di almeno un’ora".

"Io monitoro il battito cardiaco anche il giorno della gara, in momenti prefissati durante la giornata, sia nelle prove, che nelle batterie e nella manche principale. Voglio informazioni in merito a quello che succede durante la gara, e il display che gli atleti portano durante la gara ci aiuta ad assicurare che l'allenamento che stiamo facendo sia adeguato alle pressioni tipiche di uno scenario di gara. Il totale dei km percorsi sulla moto, tra allenamenti e gare, è incredibile [gli atleti di Baker percorrono circa 1000 giri in un mese], quindi è importante metterli in condizione di far fronte a questo tipo di esigenze per tutto l'anno".

Ryan Dungey e Marvin Musquin, il carico di lavoro in allenamento dei piloti Red Bull KTM
Ryan Dungey e Marvin Musquin: il carico di lavoro © Cubdy S./Red Bull Content Pool

L’equilibrio

"Bisogna curare tutti gli aspetti dell'allenamento per preparare al meglio un atleta e permettergli di raggiungere la forma ottimale. Chiunque sappia qualcosa di motocross sa che le frequenze cardiache sono molto alte" dice Baker. "Loro trascorrono già una quantità enorme di tempo sulla moto, quindi negli allenamenti senza moto cerco di limitare le sessioni a frequenza cardiaca elevata, perché questo altererebbe il loro equilibrio. Quando facciamo sessioni specifiche di lavoro cardiovascolare, ci concentriamo su frequenze più basse, 130-145 BPM. Facciamo alcuni allenamenti ad alta intensità, ma nei momenti più impegnativi della stagione di solito ne facciamo solo uno alla settimana. Sono già abbastanza sollecitati quando sono in sella alle loro moto".

Ryan Dungey e Marvin Musquin, l'equilibrio in allenamento dei piloti Red Bull KTM
Ryan Dungey e Marvin Musquin: l'equilibrio © Cubdy S./Red Bull Content Pool

Vuoi avere il mondo Red Bull sempre a portata di mano? Scarica l’app!

Red Bull Motorsports è su Facebook

Leggi di più
Prossima Storia