Ogier conquista l'Australia e fa triplettta

La vittoria in Australia consegna al francese e alla Volkswagen il terzo titolo mondiale consecutivo
di Greg Stuart

Sébastien Ogier è il quarto pilota, nella storia del WRC, a dire tre. Con una splendida prestazione sulle strade del Rally d’Australia, il francese ha conquistato infatti, oltre alla decima prova del Mondiale 2015, anche il terzo titolo piloti consecutivo.
Ogier ha dovuto sudare parecchio, battagliando con i compagni in Volkswagen Jari-Matti Latvala e Andreas Mikkelsen, ma anche con la Citroën di Kris Meeke e la Hyundai Hayden Paddon. Alla fine ha avuto ancora una volta la meglio lui, per la settima volta in stagione, chiudendo il discorso mondiale con tre gare d’anticipo.

Rally Australia 2015: Sébastien Ogier
Ogier conquista in Australia il terzo titolo © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

“Forse è stata la mia miglior stagione”, ha commentato a caldo il francese dopo l’ormai abituale festeggiamento sul tetto della sua Polo WRC. “Ho fatto pochi errori, e tante ottime performance, non ultima questa in quello che credo sia il rally più difficile in cui fare da apripista, viste le condizioni delle strade. Pur con questo svantaggio, siamo riusciti a vincere, un modo perfetto per conquistare il terzo titolo”.

Latvala, unico ancora in lizza per lo stesso titolo, ha chiuso secondo a 12.3 da Ogier, con Meeke terzo, favorito dalla penalità di 10 secondi che ha impedito al norvegese Mikkelsen di completare l’ennesima tripletta stagionale della Volkswagen. Altra ottima prova di Paddon, quinto.

> Ordine d’arrivo completo Rally Australia 2015

Contemporaneamente, sempre in Australia le performance combinate di Ogier e Latvala hanno consegnato alla Volkswagen il titolo costruttori, anche questo il terzo consecutivo.

> Classifiche Mondiali

Ed ecco la principali cartoline dal Rally d’Australia 2015

Ogier e Ingrassia festeggiano al Rally Australia 2015
Terzo titolo per Ogier, Ingrassia e la Volkswagen © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Ogier ancora sul tetto del mondo

Juha Kankkunen, Tommi Mäkinen, Sébastien Loeb… non male come compagnia, per Sébastien Ogier. Sono loro gli unici ad aver vinto almeno tre titoli nella storia del WRC, ed Ogier, con Loeb e Mäkinen, è il terzo ad averlo fatto in tre anni consecutivi.
Dire che Ogier, in questo 2015, è stato il migliore, sarebbe estremamente riduttivo. Penalizzato dalla nuova regola, che obbliga il leader in campionato ad aprire ogni Speciale nei primi due giorni di rally (mentre prima l’ordine di partenza era basato sulla classifica provvisoria del rally stesso), Ogier non si è scomposto né distratto, è rimasto sempre concentrato, e il titolo è la meritata ricompensa.
E come se il Mondiale non gli bastasse, con la vittoria in Australia Ogier diventa anche il secondo pilota con più rally vinti, 31, nella storia del WRC, superando Marcus Grönholm.

Rally Australia 2015: Sébastien Ogier
Ogier si unisce all'elite dei tricampioni © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Volkswagen fa tre su tre

Dei tre rally che nel 2015 non sono andati a Sébastien Ogier, il suo compagno in Volkswagen Jari-Matti Latvala ne ha vinti due. Se la lotta per il titolo piloti si è chiusa prima di cominciare, quella per il titolo costruttori non s’è proprio neanche intravista. Per i tedeschi è la terza doppietta piloti-costruttori di fila, da quando sono tornati in WRC. Per Hyundai, M-Sport e Citroën sarà un inverno di durissimo lavoro.

Rally Australia 2015: Volkswagen Polo WRC
Volkswagen vince il titolo costruttori © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Battaglia serrata agli Antipodi

Il Rally d’Australia è stato una delle battaglie più serrate viste in WRC da diversi anni a questa parte. Quattro piloti si sono alternati al comando: Dani Sordo ha imposto il ritmo all’inizio, con ben tre vittorie di tappa nel primo giorno del suo debutto australiano, per poi lasciare la testa a Latvala, Meeke e Ogier. Alla PS 10, i primi 5 in classifica erano divisi da soli 9.3’’, anche se da lì in poi Ogier ha accelerato e il gap è cresciuto.

Rally Australia 2015: Dani Sordo
Dani Sordo è stato leader nelle battute iniziali © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Meeke sfodera le unghie

Chiamato a difendere il suo sedile al volante della Citroën per il 2016, Kris Meeke in Asutralia aveva bisogno di tradurre in punti il suo naturale istinto per la velocità, dopo gli ultimi deludenti risultati. Il nord-irlandese ci è riuscito prendendosi rischi quando ne aveva bisogno, rallentando quando era il caso, e arrivando così al secondo podio della stagione - dopo l’inattesa vittoria in Argentina.

Rally Australia 2015: Kris Meeke
Kris Meeke in palla al WRC Australia © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Latvala, il titolo può attendere (ma quanto?)

Jari-Matti Latvala è stato l’unico avversario capace di impiensierire Ogier lungo tutta la stagione, ed è stato il suo rivale più temibile anche in Australia. Purtroppo per lui, ancora una volta non è bastato, e la prossima stagione inizierà quindi con lo stesso quesito della ultime due: sarà finalmente arrivato il momento di Latvala? Servono meno errori, un pizzico di fortuna e soprattutto un inizio di stagione già col passo giusto, visto che dopo i primi 4 rally il finalndese aveva già oltre 50 punti di ritardo sul campione del mondo.

Stéphane Lefebvre, un altro segno del destino

Il rally di Mads Østberg è finito prima ancora di cominciare, con il norvegese ricoverato in ospedale dopo un bizzarro e spaventoso incidente con un camion che, non sia sa come, era finito sulle strade del rally durante la ricognizione.

Con Mads fermo a letto con le costole ammaccate, Stéphane Lefebvre, che in Australia avrebbe dovuto fare solo le ricognizioni, è stato chiamato a prendere in mano il volante della DS3. Dopo la bella prova da predestinato al Rally di Germania, un altro segnale che il francese è il giovane da tenere più d’occhio per l’immediato futuro del WRC. Anche in Australia non ha deluso, chiudendo in Top 10 un rally in cui ha dovuto anche fare i conti con una sospensione rotta.
Ora la palla passa a Yves Matton, team principal della Citroën, chiamato a decidere presto sulla line-up del 2016. A Østberg, oltre che rimettersi presto, non rimane che sperare che Lefebvre non trovi ulteriore confidenza sul sedle della DS3.

Rally Australia 2015: Stéphane Lefebvre, Citroen
Altro weekend in vetrina per Lefebvre © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Il gioco delle sedie in Hyundai

Con Dani Sordo che alla vigilia era accreditato come pilota specialista sull’asfalto, Hyundai ha promosso nel top-team per gli sterrati australiani anche Hayden Paddon, al fianco di Thierry Neuville. Le 3 vittorie di Sordo al venerdì mattina sembravano aver rimesso in discussione la scelta della Hyundai. Lo spagnolo ha però dovuto poi fare i conti con problemi meccanici, finendo settimo, mentre Paddon dal sabato è stato ancora una volta capace di un impressionante cambio di marcia che l’ha portato al quinto posto.

Rally Australia 2015: Hayden Paddon
Gran passo, di nuovo, per Hayden Paddon © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Al-Attiyah imprendibile nel WRC2
il pilota qatariota Nasser Al-Attiyah ha dominato nel WRC2, ottenendo il terzo successo stagionale e ampliando il suo vantaggio in classifica sul finlandese Esapekka Lappi. Cambiando la Škoda Fabia R5 con la sua vecchia Ford Fiesta RRC per questo rally, Al-Attiyah ha preceduto al traguardo Yuriy Protasov di 13.5 secondi.
 

Rally Australia 2015: Nasser Al-Attiyah
Nasser Al-Attiyah, blitz in WRC2 © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool
Leggi di più
Prossima Storia