POV: Tony torna in pista a Glen Helen

Tony ci porta a fare in giro sulla mitica pista californiana, sede dell'ultima tappa del Mondiale
di Red Bull Team

Le puntate precedenti sono note.
Doveva essere l’anno del grande scontro con Ryan Villopoto. L’anno in cui, grazie a quel duello, Tony avrebbe avuto l’occasione di dimostrare la sua grandezza anche a quelli (pochi per fortuna) che, oltreoceano, ancora non lo mettono al livello dei grandi a stelle e strisce.
L’anno in cui, sempre grazie alla battaglia con l’invasore americano, Tony vincendo avrebbe potuto permettere al motocross di fare finalmente, definitivamente, il salto di popolarità. Complice una copertura mediatica e televisiva senza precedenti.
Poi, invece, le altre puntate. Villopoto che si fa male quasi subito, e sparisce dai radar poco dopo. Tony che fatica all’inizio, poi inizia a vincere e mette nel mirino gli avversari in classifica. Ma proprio nel momento in cui si prepara ad attaccarli si fa male. C’è stato il tentativo di andare avanti, con un braccio solo, e la resa, al dolore e al rischio di peggiorare le cose. Nel frattempo, si fanno male anche gli avversari, Nagl e Desalle su tutti, e così il Mondaile MXGP 2016, il più atteso da tanti anni, forse di sempre, finisce nelle mani di uno sconosciuto, Romain Febvre.

Bene, c’è il passato, ma ora basta. Perché TC222 è tornato, e torna proprio là, a casa del rivale annunciato e sparito: Stati Uniti, la mitica pista di Glen Helen, chiamata a ospitare l’ultima tappa del Mondiale 2016 proprio in onore di Villopoto.
Ryan non c’è più, Cairoli invece c’è. Ha voluto esserci a tutti i costi, anche se è l’ultima gara e non c’è più nulla in ballo. Se non la voglia di ribadire che lui appunto c’è, ci sarà anche l’anno prossimo e per tanti anni ancora.
Ecco allora il nostro bentornato e il nostro In bocca al lupo per la gara che va in scena tra pochissimo in California (in Tv su Italia 2, alle 23.10 la prima manche, all’1.00 la seconda).

Tony parte dal quinto posto ottenuto nella gara di qualifica, ma i risultati in questo caso contano poco. Conta molto di più rivederlo di nuovo in sella alla sua KTM, per questo giro di pista su quella che per molti è la pista di motocross più belle dal mondo: Glen Helen Raceway.

© Ray Archer/KTM
IN QUESTA STORIA
Antonio Cairoli
Leggi di più
Prossima Storia