Chi c'è dietro al dominio Volkswagen nei rally?

I successi tedeschi nel Mondiale sono frutto di un gran lavoro di squadra. Siamo andati a scoprirlo
La comunicazione fattore chiave nel team di Sébastien Ogier, durante il Rally di Argentina
La comunicazione fattore chiave nel team di Ogier © Jaanus Ree/Red Bull Content Pool
di Red Bull Team

II successo di Volkswagen Motorsport nei rally può essere riassunto in un nome: Sébastien Ogier. Ovviamente, è lui il pilota della Polo R che trionfa costantemente nel Mondiale di Rally e ha messo in bacheca gli ultimi due Mondiali. Ma attribuire il merito al solo pilota sarebbe a dir poco riduttivo.

Nel WRC, il navigatore è fondamentale per la lettura delle note, per mantenere il giusto passo e il percorso di gara sotto controllo. Da soli, però, i due non riuscirebbero mai a vincere. Il successo è frutto anche delle 200 persone che lavorano alle loro spalle.

Chi sono dunque coloro che consentono a Ogier di alzare il piede della frizione e spingere a manetta sull'acceleratore? "Durante un rally, il team Volkswagen Motorsport è composto da circa 50 persone", dice Ogier. "Ho un rapporto sicuramente più stretto con i meccanici, e il mio ingegnere. Ma questa è una squadra molto grande, e sono molte le persone che lavorano per noi. "

Durante l’assistenza, un totale di otto meccanici lavora a pieno ritmo, diviso tra la vettura di Ogier e quella di Jari-Matti Latvala. Ogier è sempre a stretto contatto con il suo ingegnere, Gerard Jan de Jongh, l'uomo con il quale comunica più da vicino durante l’assistenza tra le speciali.

Posso parlare con Gerard di come funziona la macchina, di come voglio che reagisca. Tutto si traduce in un cambiamento di set-up.

Sébastien Ogier

Dal meccanico allo chef

Sullo sfondo, quattro meccanici lavorano su ogni angolo della vettura. Volkswagen ha anche un ingegnere di telaio e nei rally su asfalto porta anche il proprio equipaggio dedicato alle gare su terra. Il loro compito principale è quello di effettuare una ricognizione delle speciali e consegnare le informazioni al navigatore quando ci sono dei cambiamenti, come la presenza della ghiaia o delle rocce che sono state distrutte lungo il percorso.

A parte i ruoli sportivi, Volkswagen Motorsport dispone anche di una serie di figure personali: lo chef, il dottore, il receptionist che accoglie gli ospiti, l’addetto stampa e così via.

"Di sicuro, Volkswagen Motorsport è una squadra gigantesca con molte persone che lavorano alle nostre spalle", aggiunge Ogier. "E' sicuramente il lavoro di squadra che ti consente di vincere un rally. In auto siamo in due per fare in modo che ogni performance rispecchi il lavoro di squadra. Abbiamo 200 persone che preparano tutto prima di una gara, e durante un rally ce ne sono oltre 50 che lavorano con noi. Per raggiungere il successo, abbiamo bisogno di tutti loro".

La gestione di Mikkelsen

Un altro pilota Volkswagen, Andreas Mikkelsen, ha il proprio team, oltre all’equipaggio della casa tedesca. Il suo manager, coordinatore sportivo, mentore e PR fanno tutti parte della società norvegese Even Management.

Ci sono tante persone in Volkswagen che fanno tutto per noi, ma tra le gare c'è la mia gente di cui non posso fare a meno.

Andreas Mikkelsen

In aggiunta al suo co-pilota Andreas Jaeger e all’ingegnere di Volkswagen Motorsport, Richard Brown, la stella norvegese dei rally menziona altre tre persone, tutte provenienti da Even Management.

"Dico Erik [Veiby], Roy [Snellingen] e Bernt [Kollevold]", rivela Mikkelsen. "Quando studio i video on-board e altri aspetti della gara, Roy è una figura molto utile e importante. Bernt è il mio specialista dei rally su terra e una sorta di mentore. Erik è il mio manager e molto importante per tutto, anche al di fuori del mondo dei rally".

Leggi di più
Prossima Storia