Video: Tom Pages colpisce ancora!

Il francese fissa un nuovo limite nel motocross freestyle con un Front Flair da far girar la testa
di Red Bull Team

Nell’era moderna del motocross freestyle alzare sempre l'asticella è un compito piuttosto proibitivo. Questo sport ha raggiunto livelli elevatissimi nel 21esimo secolo e uno degli artefici è senza dubbio Tom Pages.

Tra Backflip, Flair e altri trick funanbolici, il pilota francese si è confermanto stagione dopo stagione mantenendo un ritmo impossibile per la maggior parte dei piloti FMX.

Date un'occhiata a questo video.

© Tyrone Bradley/Red Bull Content Pool

Il campione dei Red Bull X-Fighters 2013 è risucito a farcela ancora: questa volta ha messo a segno un Front Flair in avanti in cui muove il corpo e la moto in circa 10 diverse direzioni nell'arco di un secondo, prima di atterrare come se niente fosse.  Una performance realizzata in casa, nel suo campo-base a sud della Francia, ma soprattutto a 44 giorni dall'attesissimo Red Bull X-Fighters di Madrid. Quanto basta per ribadire che resta lui il favorito assoluto se solo riuscirà minimamente ad avvicinare questi livelli.

I suoi avversari sanno perfettamente che Tom è l'unico pilota al mondo a riuscire in qualcosa di simile.

Il motocross freestyle è uno sport incredibilmente unico e ha anche ottenuto una certa popolarità, grazie ad atleti straordinari. Non molto tempo fa realizzare un Backflip su una moto da cross era considerato impossibile. Poi Carey Hart ha lanciato la sua moto nella stratosfera ai Gravity Games del 1999 e il Vaso di Pandora è stato definitivamente aperto. Prima è arrivato il doppio Backflip, nel 2006, per mano di Travis Pastrana agli X-Games, e ancora una volta, la gente pensava che non si potesse andare oltre. Poi, è arrivato il triplo Backflip confezionato nel 2015 da Josh Sheehan.

Un attento osservatore non potrà fare a meno di notare che la progressione del motocross freestyle può essere "misurata" in base al numero di volte in cui un pilota è andato a testa in giù o al numero di giri compiuti. Qualcosa di diverso rispetto alla corsa ai materiali nello snowboard, con l’olimpico Billy Morgan in grado di realizzare un Quadruplo Cork 1800° (quattro flip fuori asse uniti a 5 rotazioni complete) nello snowpark Mottolino, costato oltre 40 ore di lavoro per avere un trampolino di 27 metri.

Qui, invece, moto e materiali non sono cambiati radicalmente negli ultimi due decenni e non ci sono molti trucchi a cui aggrapparsi. Serve solo allenamento, preparazione e coraggio. Senza dimenticare che quando si sbaglia, il rischio di farsi male è altissimo. Se i miglioramenti sono andati avanti in modo continuativo, non dobbiamo dimenticare che sempre più piloti sono rimasti vittima del loro istinto di sopravvivenza.

Qui trovate alcuni dei trick più rappresentativi degli ultimi 20 anni, i piloti che li hanno realizzati e il numero di colleghi che è riuscito a emulare la performance nei successivi tre anni: 

1999 - Backflip
Pilota: Carey Hart
Emulatori entro 3 anni: 10+

2002 – Ramp-to-dirt backflip
Pilotas: Mike Metzger e Travis Pastrana 
Emulatori entro 3 anni: 10+

2006 – Double Backflip
Pilota: Travis Pastrana
Emulatori entro 3 anni: 5

2007 – Body Varial
Pilota: Kyle Loza
Emulatori entro 3 anni: 3

2008 - Flair
Pilota: Frederik Johansson
Emulatori entro 3 anni: 3

© Sebastian Marko/Red Bull Content Pool

2012 – Special Flip
Pilota: Tom Pagès
Emulatori entro 3 anni: 1 

2014 – Bike Flip
Pilota: Tom Pagès
Emulatori entro 2 anni: 0

2015 - Alley-Oop Flair
Pilota: Tom Pagès
Emulatori entro 1 anno: 0

2015 - Triple Backflip
Pilota: Josh Sheehan
Emulatori entro 1 anno: 0

Le statistiche parlano chiaro. Il 99% dei professionisti di FMX in tutto il mondo semplicemente non riesce a tenere il passo dei top rider, che rappresentano circa l'1%. Piloti come Tom Pagès, Josh Sheehan e Travis Pastrana hanno portato questo sport a livelli incredibili e impensabili fino a qualche tempo fa. 

Leggi di più
Prossima Storia