Games

I migliori battle-royale per il tuo smartphone

© 111 Dots Studio
Di Mick Fraser
In attesa che PUBG arrivi su dispositivi mobili, queste sono le alternative più interessanti
Di tanto in tanto capita che un titolo arrivi sul mercato e diventi il punto di riferimento per un intero nuovo genere di videogiochi. Un evento epocale che non sempre riguarda un titolo completo o al passo coi tempi, ma che nonostante tutto riesce a influenzare fortemente l'industria e i suoi giocatori negli anni a venire. Uno di questi giochi è senza dubbio PlayerUnknown's Battlegrounds, un battle-royale da 100 giocatori che ha ipnotizzato la community su PC, per poi guadagnarsi l'accesso allo store di Xbox One e presto anche a quelli di iOS e Android, grazie al lavoro di TenCent e Bluehole. I dettagli delle release sono molto vaghi, quindi se non vedi l'ora di scendere in campo con il tuo smartphone abbiamo preparato una lista dei sette migliori battle-royale attualmente disponibili su mobile.

1. Rules of Survival

Buttati nella mischia
Buttati nella mischia
Paragonato agli altri elementi di questa lista, Rules of Survival è sicuramente il miglior candidato in termini di grafica e gameplay. È molto simile a PUBG come meccaniche e permette di giocare da soli, in coppia o in squadra. Viene utilizzato un joypad virtuale per il movimento, che a volte può risultare frustrante da controllare, ma tutto sommato è una delle migliori alternative al gioco per PC. L'economia free-to-play permette di comprare sia oggetti cosmetici, sia miglioramenti in-game, quindi il gioco ricade sicuramente all'interno della categoria pay-to-win. Le animazioni possono sembrare un po' crude, ma per avere 100 giocatori su mobile, con una grande varietà di armi e veicoli, siamo disposti a tollerare questo e molto altro.

2. Grand Battle Royale

Un blocco alla volta
Un blocco alla volta
Per chi preferisce lo stile squadrato alla Minecraft, Grand Battle Royale è la soluzione ideale. In questo gioco non ci si paracaduta da un aereo a inizio partita, bensì si compare direttamente sull'isola uno vicino all'altro. Quando suona il fischio d'inizio si parte in una corsa sfrenata agli armamenti e il caos comincia a convergere verso il centro della mappa. I rifornimenti che cadono dal cielo creano diversi punti d'interesse da contestare, fornendo ai più audaci svariate armi, armature e kit di primo soccorso. Il gamemplay è davvero soddisfacente e il sistema di progressione include skin e accessori per il proprio personaggio. La grafica cartoonesca funziona molto bene in contrapposizione con la natura violenta del gioco in questione.

3. Black Survival

Bisogna studiare il crafting
Bisogna studiare il crafting
Un gioco free-to-play che combina la mentalità dei battle-royale con lo stile unico delle visual-novel. Invece di sparare a destra e manca come negli altri titoli di questa lista, ti troverai a esplorare ambienti statici alla ricerca degli altri giocatori, successivamente saranno le statistiche e i riflessi a determinare il vincitore. Al posto di avere il solito cerchio che si restringe questo gioco aumenta la pericolosità di determinate zone nel tempo, obbligandoti a scappare e avvicinarti agli altri nove giocatori della partita. A inizio match puoi selezionare un oggetto da portarti sull'isola, come una razione di cibo o degli attrezzi per migliorare il tuo equipaggiamento, il che aumenta gli aspetti strategici legati alla preparazione pre-partita. Il sistema di crafting è la parte più interessante del gioco, e ti permette di creare e migliorare il tuo arsenale con gli oggetti che trovi sull'isola seguendo dei percorsi di crafting prestabiliti. Gli scenari disegnati a mano sono estremamente dettagliati e creano l'atmosfera ideale per questo particolarissimo battle-royale.

4. Guns Royale

Violenza cartoonesca
Violenza cartoonesca
Questo titolo non riesce a prendersi seriamente. Offre una prospettiva isometrica, colori sgargianti e una stilosissima azione a 8 bit che ti terrà incollato allo schermo. Non ha i valori di produzione di altri titoli di questa lista, ma la freneticità dei suoi scontri lo rendono assolutamente degno di nota. Dal momento che supporta solamente 15 giocatori, permette di beneficiare di alcuni particolari effetti di realtà aumentata (anche se non funzionano sempre benissimo). I personaggi sono estremamente personalizzabili, ma dobbiamo avvisarti che ci sono dei forti elementi pay-to-win che potrebbero allontanare i puristi del genere.

5. Last Battleground: Survival

Bene ma non benissimo
Bene ma non benissimo
Come il primo elemento di questa lista, Last Battleground cerca di ricreare su mobile l'esperienza di PUBG, ma in questo caso l'aspetto grafico lascia molto a desiderare. Le texture sembrano uscite direttamente dal 2002 e non riescono a valorizzare i semplici design presenti nel gioco. Anche i 32 giocatori supportati non sono ai livelli delle altre entrate di questa lista, ma siamo sicuri che questo titolo sia in grado di ammaliare i giocatori meno esigenti.

6. Free Fire – Battleground

Ovviamente free-to-play
Ovviamente free-to-play
Free Fire invece ha delle visuali splendide per essere un gioco mobile e batte a mani basse tutti gli altri giochi della lista. Il suo più grande difetto è che non supporta né le squadre, né i veicoli. E la mappa forse è un po' troppo grossa per la quantità di giocatori che ospita. Ma l'adrenalina data dagli incontri con gli altri player è a livello dei migliori battle-royale, quindi non ci possiamo lamentare.

7. Pixel Gun 3D (Pocket Edition)

Follia fatta di pixel
Follia fatta di pixel
Uno dei giochi più vecchi di questa lista è anche quello con la maggiore quantità di funzionalità. Uno sparatutto in prima persona con la grafica di Minecraft che include la possibilità di costruire basi, forgiare armi e ottenere ricompense divise per rarità. La community è già consolidata da tempo, il che potrebbe essere un ostacolo per i nuovi arrivati, ma almeno c'è sempre qualcuno con cui giocare. Supporta solamente 10 giocatori contemporaneamente, ma le mappe piccole e piene di armi compensano egregiamente questo aspetto.