Max Verstappen e Lewis Hamilton protagonisti del GP del Bahrain© Bryn Lennon / Getty Images
F1
F1 GP Bahrain 2021: Le pagelline di Terruzzi
A Sakhir si vince e si perde soffrendo, tra nuovi equilibri, vecchi errori e limiti della pista... interpretabili
Di Giorgio Terruzzi
Pubblicato il
Novità - Da quest'anno le mie pagelline raddoppiano: la domenica, subito dopo la gara, in formato testuale, e poi in un nuovo formato audio. Salva l'articolo tra i preferiti per non perderlo! E se vuoi dare anche tu un voto ai piloti di Formula 1, scrivi nei commenti della mia pagina Facebook la pagella di un pilota a tua scelta utilizzando l'hashtag #pagelleterruzzi: la più bella verrà inserita nelle prossime pagelline!
Il mio commento preferito dalla pagellina di fine anno è quello di Fabio Ubo Uboldi:
Il commento preferito di Giorgio dalla pagellina di fine anno:
Il commento preferito di Giorgio dalla pagellina di fine anno:

L'audio-pagellina del GP del Bahrain 2021:

Ecco le mie pagelline del GP del Bahrain di Formula 1 svoltosi a Sakhir:
Voto 10 a Hamilton e Verstappen. Hanno viaggiato in coppia, una coppia fissa formano ormai. Il finale del primo atto indica una novità fondamentale: Lewis non è più solo. E Max sembra più cattivello di Rosberg, l’ultimo a complicare l’esistenza del re. Intanto, bravi.
Voto 9 a Norris e Leclerc. L’inglesino ha messo giù una domenica perfetta; Charles ha fatto il fenomeno sabato. Il resto sta nella differenza che darà ciascuna pista sul rendimento di McLaren e Ferrari. In palio: terzo posto tra i costruttori. Comunque vispi entrambi.
Max Verstappen guida il gruppo dopo la ripartenza da SC
Max Verstappen guida il gruppo dopo la ripartenza da SC
Voto 8 a Stroll e Tsunoda. Il primo, dai e dai, migliora veramente. Una gara da pilota serio, ne aveva bisogno come il pane visto il partner, cioè Vettel. Il secondo ha addosso un argento vivo che brilla anche se non a tempo pieno. Il primo nippo toccato da una grazia rara.
Voto 7 ad Alonso e a Mick Schumacher. La grinta di Fernando è sempre da 9, la sua Alpine da 5 e mezzo. Ma quando c’è da sgomitare, il Nano è sempre pronto. Ed è bello tornare a cercarlo nella bagarre. Anche se - ancora una volta - trattasi di sgobbare nel mucchio. Mick: in fondo alla prima con una macchina da bassifondi. Il suo compagno ha percorso mezzo chilometro, per intenderci. Qui, lo dico subito sono e sarò di parte. Abbiate pazienza.
Voto 6 a Sainz e Perez. In quanto debuttanti nelle rispettive squadre, in quanto compagni di gente fenomenale, hanno retto il confronto. Sia Carlos, sia Checo hanno perso l’attimo in qualifica. In gara meglio, con qualche guizzo rassicurante sul loro futuro.
Sergio Perez completa una grande rimonta
Sergio Perez completa una grande rimonta
Voto 5 a Ricciardo e Giovinazzi. Speravamo in una prima visione eclatante di Daniel in McLaren. Invece, una gara così così, lontano sempre da Norris che in McLaren pascola da un pezzo. Speravamo in un piazzamento illustre di Antonio invece l’Alfa Sauber ce l’ha con lui, ormai è una certezza, povero Giovinazzi.
Voto 4 a Gasly. Ciccio, ti aspettavamo chissà dove. Un errore superfluo all’inizio della festa e poi tutta la serata nascosto in cantina. Non si fa mica così, dai.
Voto 3 alla Direzione gara. Allora, si può uscire dai binari alla curva 4 o no? Se sì quando? Se no a che ora? Siamo qui a domandarcelo e non abbiamo risposte. Passano gli anni ma abbiamo sempre una certezza: non sanno quello che fanno. Allegria, come diceva il vecchio Mike.
Voto 2 a Mazepin. E’ arrogantello, si sa. Ma qui non è questione di simpatia. Una quantità di strafalcioni. Normale per un debuttante che ancora non ha il fisico per giocare. Pazienza, ovviamente. Intanto, dietro la lavagna e ciao.
Voto 1 a Ocon. Dopo averle prese da Alonso in qualifica, ha preso un calcione nel sedere da Vettel in gara. Va bene il masochismo ma i lividi si vedono, si vedranno. Suonato nel deserto, ecco. Avanti con gli antidolorifici.
Voto 0 a Vettel. Pur tutelando le minoranze siamo alla frutta. Ero pronto all’esclamativo per l’attimo di orgoglio messo in pista quando ha visto Alonso nel retrovisore. Poi ha scambiato Ocon per Fernando e ha perso ancora una volta la trebisonda. Credo si tratti della 37ma volta nelle ultime 37 settimane. Povero Seb…