Games

Faraday Protocol è un innovativo puzzle game in prima persona

© Red Koi Box
Le prime impressioni su Faraday Protocol, uno dei 5 giochi indipendenti selezionati dalla giuria del Red Bull Indie Forge
Di Red Bull TeamPubblicato il
La giuria del Red Bull Indie Forge ha selezionato 5 videogiochi indipendenti sviluppati in Italia che adesso finiranno sotto la lente d'ingrandimento di Kurolily e Tearless Raptor, due streamer molto affezionati al panorama Indie. Questa settimana è arrivato il turno di Faraday Protocol, un gioco in prima persona ricco di puzzle ed enigmi sviluppato da Red Koi Box.
Faraday Protocol è un gioco puzzle 3D in prima persona caratterizzato da elementi di vintage sci-fi. "Scruta, Scopri e Smaschera" sarà il motto del giocatore mentre svela i misteri di Opis, la stazione orbitale che ha attirato le attenzioni del protagonista tramite un segnale sospetto. La storyline immersiva ci porterà a chiederci chi siamo realmente, mentre attraversiamo un mondo caratterizzato da architetture umane nei panni di un extraterrestre.

Guarda un pezzo della demo di Faraday Protocol:

Games · 1 min
Anteprima Faraday Protocol

Le prime impressioni di Kurolily

"Questa avventura 3D ad enigmi mi ha ricordato molto Myst come stile, un gioco che si svela man mano che lo esplori. La sua storia, abbastanza criptica, parla di una creatura che atterra su un pianeta disabitato ma ricco di edifici e artefatti che ricordano quelli che potremmo trovare sulla terra, vegetazione compresa. Una commistione di stili egizi e aztechi che fa da palcoscenico ad una serie di enigmi molto interessanti, incentrati sull'utilizzo di strane fonti di energia di diverso tipo e statue a forma di animali".
"Nella demo che abbiamo avuto l'occasione di provare c'erano diversi livelli, ognuno ricco di porte e passaggi che bisognava capire come sbloccare. Abbiamo trovato interruttori da collegare, placche su cui far rimbalzare l'energia, scale e piattaforme da far comparire. Al momento il protagonista è muto, ma gli sviluppatori ci hanno assicurato che a breve registreranno le sue battute con un voiceover. Lo studio che si sta occupando del gioco da un anno e mezzo a questa parte si chiama Red Koi Box ed è composto da 5 ragazzi che hanno già lavorato ad altri giochi in passato. Il risultato dei loro sforzi è un prodotto ancora in fase di sviluppo ma che sembra già davvero ben fatto, grafica e musiche si vede che sono state fatte da professionisti del settore".

Qui sotto trovate l'intervista completa:

Le impressioni di Tearless Raptor

"Il primo impatto col gioco è stato davvero forte, e questo anche perché l'intera esperienza è avvolta nel mistero. Durante la live abbiamo avuto la possibilità di provare alcuni enigmi e puzzle, tutti elementi che poi nel gioco finale faranno avanzare una storia che al momento ancora non c'è. Della trama abbiamo potuto scoprire solo pochi piccoli indizi, come la strana mano del protagonista, l'ispirazione architettonica, la flora del pianeta, ma adesso non vedo l'ora di mettere le mani sul prodotto finito per scoprirne di più. L'ambientazione è strepitosa, un luogo completamente disabitato che bisogna esplorare da cima a fondo, pieno di enigmi che ti stimolano a pensare fuori dagli schemi. Il tutto condito da una grafica impeccabile, piena di oro e nero che sembra richiamare l'opulenza di un passato perduto molto affascinante".