Games

Gli indie del 2018 che non potete lasciarvi sfuggire

© Matt Makes Games
7 titoli indipendenti che dovete assolutamente recuperare al più presto
Di Red Bull TeamPubblicato il
Lo scorso anno il gaming ci ha dato tantissime soddisfazioni: i titoli tripla A hanno mantenuto le promesse fatte, riuscendo a raggiungere vette altissime sia dal punto di vista del gameplay, sia da quello della grafica, e gli sviluppatori indie ci hanno dimostrato ancora una volta cosa è possibile realizzare quando l'immaginazione e il coraggio non mancano di certo. Ora che siamo a cavallo dei due anni è giunto il momento di tirare le somme e prepararsi a sfoltire i vari backlog, per questo abbiamo preparato una breve lista dei giochi indie del 2018 che non potete assolutamente lasciarvi sfuggire.

Celeste (PlayStation 4, Xbox One, PC, Nintendo Switch)

Direzione artistica mozzafiato, storia commovente e gameplay preciso al millimetro caratterizzano questo difficilissimo platformer sviluppato dallo stesso team che ci ha dato TowerFall nel 2013. Nei panni di una ragazza chiamata Madeline andrete in missione attraverso il monte Celeste, un mondo di gioco composto da oltre 700 schermate piene di ostacoli e precipizi mortali. Probabilmente alcuni tratti vi faranno sudare sette camice, ma alla fine questo è il prezzo da pagare se volete godervi una delle migliori esperienze in due dimensioni che lo scorso hanno ci ha regalato. La piacevole colonna sonora è solo la ciliegina sulla torta.

Donut County (PlayStation 4, Xbox One, Switch, iOS)

Donut County è una lettera d'amore rivolta all'animale preferito dagli utenti di Twitter e Tumblr, quello dal manto striato caratterizzato da piccole manine prensili che lavano tutto ciò che riescono a raccogliere. In questo gioco semplice e geniale aiuterete il piccolo mammifero ad accaparrarsi quanti più oggetti riuscirete a far passare dall'entrata della sua tana. Ogni oggetto ottenuto farà allargare il diametro dell'entrata e questo meccanismo vi porterà alla soluzione di ogni tipo di enigma e rompicapo. Un titolo talmente leggero da essere disponibile perfino su iOS.

Gris (PC, Nintendo Switch)

Gris prende in prestito l'estetica che ha reso celebre Journey e ne approfondisce le meccaniche su due dimensioni, offrendo al giocatore intelligenti abilità da sbloccare, stupendi livelli da esplorare e diversi collezionabili facoltativi ma mai banali da ottenere. La storia segue le misteriose vicende di una ragazza in lutto, ma fortunatamente tutta l'esperienza è strutturata in modo tale che il vostro protagonista non possa mai morire. Speriamo che presto arrivi anche sulle altre console, perché è davvero un titolo a cui tutti dovrebbero poter avere accesso.

Dead Cells (PlayStation 4, Xbox One, PC, Nintendo Switch)

Questo roguelike in due dimensioni fa del suo marchio di fabbrica un gameplay frenetico e costantemente in evoluzione. I livelli generati proceduralmente rappresentano una sfida sempre nuova e i diversi upgrade permettono di adottare stili di gioco diametralmente opposti di volta in volta. Dead Cells strizza l'occhio anche agli speedrunners, posizionando dei cancelli a tempo che possono essere varcati solo correndo a perdifiato attraverso i diversi livelli del gioco. Vi sembrerà di giocare un soulslike alla massima velocità possibile.

Subnautica (PlayStation 4, Xbox One, PC)

Subnautica è un gioco ambientato sotto la superficie di un pianeta sommerso, in cui l'obiettivo principale è quello di sopravvivere, esplorare e costruirsi una base a prova di mostro marino. È un gioco molto particolare che tutti i gamer dovrebbero provare almeno una volta: è in grado di convogliare un mix di emozioni unico, dalla solitudine alla sorpresa, fino ad arrivare al terrore che solo le profondità marine sono in grado di suscitare. Ora che è disponibile anche su console non avete più scuse!

Into The Breach (Nintendo Switch, PC)

Into the Breach è un gioco a turni in cui la razza umana cerca di sopravvivere a un'invasione aliena schierando il proprio esercito a difesa degli edifici civili. Lo stile grafico è molto minimalista, ma rappresenta alla perfezione le diverse unità schierabili e le loro capacità uniche. Gli sviluppatori sono quelli che hanno fatto l'eccellente FTL: Faster Than Light: se vi è piaciuto quello non potete non dare una possibilità alla loro nuova impresa. Tuttavia dobbiamo avvisarvi che le meccaniche di gioco dei due titoli sono completamente diverse.

Pillars of Eternity II: Deadfire (PlayStation 4, Xbox One, PC, Nintendo Switch)

Dopo il successo avuto nel 2015 con il sequel spirituale del celebre Baldur's Gate, Obsidian a gennaio ha deciso di riprovarci con Deadfire. A capo di un veliero partirete per un viaggio alla scoperta del mondo isometrico di Eora, combattendo ed esplorando come se non ci fosse un domani. Nel gioco potete trovare tutto quello che ci si aspetta da un'opera del genere: una storia cupa e profonda, un setting evocativo e un mondo di scelte che possono cambiare radicalmente la progressione dei molteplici personaggi giocabili.