MTB

Alla scoperta dei bike park con Torquato Testa: Amiata Freeride

© Red Bull Team
La nuova serie di Torquato Testa alla ricerca dei migliori bike park d'Italia: la quarta puntata è dedicata alla bike destination toscana di Amiata Freeride
Di Red Bull TeamPubblicato il
Dopo i #TotoTiSpiega dell'anno scorso in cui ci spiegava le basi della guida in MTB, quest'anno lo slopestyle hero ispeziona per noi i migliori bike park italiani. La quarta e ultima puntata dell'anno è dedicata all'Amiata Freeride. Nel video in basso trovate il resoconto del suo giro, ma continuate a leggere per le nostre dritte sulla bike destination toscana e le altre puntate della serie dedicata ai bike park italiani con Livigno, Paganella e Pila.
MTB · 7 min
TotoTiSpiega: I park dove girare - Amiata
L'Amiata Freeride si sviluppa nella bellissima faggeta Amiatina dove si trovano trail MTB per tutti i gusti e tutte le discipline, dalle adrenaliniche discese nei percorsi downhill ed enduro con risalite meccanizzate in seggiovia o shuttle, a percorsi mountain bike fruibili negli anelli della parte alta della montagna. I tracciati si estendono su tutto il cono amiatino, a partire dal Prato delle Macinaie per estendersi anche nella zona senese fino ad arrivare al centro abitato di Abbadia San Salvatore.
Dalla zona delle Macinaie dove c'è la base operativa, potete trovare la partenza della seggiovia con con i trail ad essa annessi, dove si trova anche la partenza dello shuttle che serve i sentieri enduro che si sviluppano nel versante senese, ma anche noleggio e la bike school con i percorsi "Fun Park", l'area dedicata ai più piccoli e a tutti coloro che si avvicinano per la prima volta al mondo della DH. Costituita da 3 linee (verde, rossa e nera) su terra e su strutture artificiali in legno di varia altezza e misura.
Amiata Freeride
Amiata Freeride
Sono 10 i trail a disposizione, tutti diversi per tipologia e difficoltà. A cominciare con il facile 8Volante, un trail molto fluido e veloce ricco di appoggi, paraboliche e piccoli salti, adatto sia per i principianti, sia per gli esperti che vogliono osare con salti realizzati a doppia variante. Il Red Jack è ricco di curve, strutture in legno, drop, step-up e passaggi tecnici, adatta ad un biker di medio livello che si vuole mettere in gioco. Il Froggy è un trail con una serie di curve e salti con doppia alternativa percorribile ad ogni velocità con ogni struttura copiabile. Il Jump, un’area dedicata all’apprendimento e al miglioramento della tecnica del salto con panettoni di tutti i livelli per biker alle prime armi e biker più esperti a cui piace l'air-time.
Il Fluida, lo dice il nome, è un trail molto scorrevole e morbido con curve ampie nella prima parte e qualche passaggio tecnico nella seconda, adatta a tutti i livelli di biker che cercano il compromesso pulito e veloce. Dirt Sanchez e Black Garden sono le "nere": il primo è un trail scorrevole, ma tecnico con contropendenze e passaggi tra spettacolari rocce vulcaniche caratteristiche del territorio. Il secondo è un trail veloce e tecnico, giusto mix scassato e guidato, con un rock garden, passaggi stretti fra alberi, sassi e curve paraboliche adatti a un biker esperto. La Sposina è il trail più ricco dell’Amiata Freeride: tecnico, guidato, veloce, scassato. Adatto a biker un po’ più esperti a cui piace fondere la bellezza della natura con la voglia di MTB. Infine, il trail Amante è nato come variante più hard della Sposina con molti salti, divertente e molto scorrevole con una prima parte in un bellissimo rock garden naturale per poi entrare in un tratto veloce tra i castagni.
Se vi siete persi gli altri #TotoTiSpiega alla scoperta dei bike park cliccate sotto: