Biciclette e abbigliamento in vendita.
© Chenthil Mohan for BigRush
MTB

MTB: trasformare la propria entry level con i migliori upgrade

Una mountain bike entry level può essere un buon punto di partenza, ma anche la base di sviluppo per la pratica avanzata. Con questi upgrade trasformerete la vostra mountain bike
Di Federico Malpezzi
6 minuti di letturaPubblicato il
Una mountain bike entry level è quella tipologia di bicicletta che consente di avvicinarsi alla pratica offroad. Ogni tipologia destinata alle diverse discipline ha un suo range di mtb entry level. Rappresentando la base con cui accedere alla mountain bike hanno caratteristiche che facilitano l’utilizzo da parte di biker principianti e vengono proposte a fasce di prezzo accessibili, per consentire un investimento proporzionato a quella che è l’effettiva frequenza d’utilizzo di un utilizzatore alle prime armi. La fascia di prezzo di una bicicletta entry level va da 800 a 1.500 euro, ma si tratta di un parametro molto relativo che dipende dalla disponibilità personale.
Eurobike
Eurobike
Le mountain bike catalogabili come entry level hanno anche come aspetto positivo quello di avere più elevati margini di miglioramento nell'effettuare degli upgrade. Questo articolo è volto ad aiutare chi vuole trasformare una entry level in una mountain bike di livello superiore con una spesa che non supera i 650 euro. Uno degli aspetti più importanti in fase di acquisto è la scelta di un modello che possa garantire quantomeno gli standard più diffusi, in modo tale da non ritrovarsi costretti a cambiamenti radicali. È importante verificare quindi la compatibilità della bicicletta entry level con un impianto frenante a disco sia per telaio che ruote, poi la presenza di perni passanti delle ruote.
Rocky Mountain Altitude Rally Edition
Rocky Mountain Altitude Rally Edition
01

Impianto frenante

Quando si acquista una mountain bike entry level solitamente sono presenti impianti frenanti a disco, anche se in alcuni casi questi hanno un funzionamento meccanico e non idraulico come la maggior parte degli impianti di fascia più alta. Il passaggio da uno all’altro comporta un upgrade funzionale molto utile per la sicurezza personale, una migliore risposta nella frenata e più efficienza.
Magura MT4 l'impianto intermedio funzionale e affidabile
Magura MT4 l'impianto intermedio funzionale e affidabile
In questo passaggio si possono mantenere i dischi originali (sempre che siano in buone condizioni), per sostituire leve e pinze. Un impianto molto apprezzato e affidabile, considerato un vero e proprio all round è il Magura MT4 con una pinza a 2 pistoni. Pinza e leva hanno un prezzo di 89,90 euro, con la cifra da spendere che sale fino a 179,80 euro quando si vogliano sostituire entrambi gli impianti. Anche Shimano propone il suo freno XT a 2 o quattro pistoni a prezzi molto competitivi con un funzionamento impeccabile. Le differenze tra questi impianti e quelli di serie risiedono solitamente nella lunghezza della leva e nei materiali, che permettono un funzionamento complessivo di un altro livello.
I freni Shimano XT sono tra i più affidabili della loro categoria
I freni Shimano XT sono tra i più affidabili della loro categoria
02

Copertoni

Sul comparto ruote ci si può davvero sbizzarrire in termini di upgrading, ma bisogna pur sempre effettuare cambiamenti conoscendo ciò che essi comportano e ottimizzando quindi performance e investimento. Il primo cambiamento che può essere effettuato riguarda le coperture, in quanto le mountain bike entry level solitamente vengono vendute di serie con copertoni per camera d’aria e di conseguenza spesso con camere d’aria.
Vittoria Mezcal TLR
Un copertone tubeless può cambiare radicalmente l'esperienza in sella
Un ottimo modo per far salire di livello la propria bicicletta è equipaggiarla con copertoni che nella configurazione tubeless ready vantano una più elevata protezione, ma anche più comodità in caso di foratura. Passare al tubeless significa poter sfruttare una struttura più solida e in grado di permettere una messa a punto più accurata per una guida più efficiente con pressioni d’esercizio che possono essere tenute più basse per sfruttare al meglio il battistrada. Questa operazione ha un costo complessivo di circa 120 euro per una coppia di copertoni tubeless (prendendo come riferimento i Vittoria Mezcal). Un kit di conversione come quello di Effetto Mariposa ha un prezzo di 55 euro e comprende tutto il necessario per la conversione, quindi un flacone da 250 ml, una coppia di valvole e il nastro (compatibile con una larghezza del canale interno tra 20 e 25 millimetri nella misura M). Con una spesa inferiore ai 200 euro interverrete quindi sul comportamento della bicicletta nella guida.
Il Caffelatex di Effetto Mariposa comprende liquido, valvole e nastro, ma la borraccia rappresenta anche un utile porta oggetti
Il kit di conversione è fondamentale per passere ai tubeless
03

Reggisella

Switch SW 125
Un reggisella telescopico migliora il feeling a tutti i livelli
Attualmente sono ancora pochissimi i modelli entry level che prevedono nel montaggio di serie un reggisella telescopico, eppure è uno dei componenti che può stravolgere in maniera positiva il vostro feeling di guida. Con l’abbassamento della sella nelle fasi di discesa si può sfruttare una posizione di guida centrale e meno estremizzata, senza rimanere appesi al manubrio. È un componente che può essere montato su qualsiasi bicicletta: basta essere sicuri di acquistare la sezione giusta di reggisella e verificare che il telaio di cui si dispone sia compatibile con passaggio interno - o esterno - del rispettivo cavo e della guaina. Questi ultimi serviranno a gestire l’abbassamento della sella direttamente dal manubrio attraverso la specifica leva. Il prezzo di un reggisella telescopico varia a seconda del peso, dei materiali utilizzati e funzionamento. Per farsi un’idea, l’italiana Switch propone l’SW 125 con un travel da 125 millimetri in tre versioni di sezione (34.9, 31.6, 30.9 mm) e lunghezza totale del fodero (406, 420, 420 mm), a un prezzo di 189 euro.
04

Pedali

I pedali hanno grande importanza quando si inizia a praticare in maniera più intensa. Vi sono linee di pensiero differenti per quanto riguarda la scelta di un format flat (senza aggancio) e clipless (con sgancio rapido). La decisione dipende da ciò che si vuole eseguire con la propria mountain bike. Il pedale flat è caratterizzato da una grande superficie d’appoggio che permette un contatto più ampio tra suola e pedale, ed è molto diffuso nelle pratiche gravity e ebike. Il pedale a sgancio rapido offre grande efficienza in tutte le fasi di pedalata e una sicurezza meccanica di attaccamento alla bici quando si affrontano le discese. Il pedale senza sgancio, in sintesi, aiuta a imparare le posizioni del piede in salita e discesa ma anche a levare il piede più velocemente, in caso di emergenza.
Pedale flat disponibile in due dimensioni.
Crank Brothers Stamp, in versione Small o Large
Il pedale a sgancio rapido ottimizza la spinta, e permette di essere saldamente attaccati evitando che il piede scivoli lateralmente sui tratti tecnici. L’X-Track En-Rage di Look è un modello a sgancio rapido con corpo in alluminio e una più estesa superficie per una migliore base d’appoggio e un prezzo di 69,90 euro. Gli Stamp sono uno dei simboli dei pedali flat: prodotti da Crankbrothers hanno un prezzo nella misura large di 89.90 euro con 10 pin per lato.
Il pedale Look X-Track EN-Rage, tra i più polivalenti
Il pedale Look X-Track EN-Rage, tra i più polivalenti
Con le modifiche qui elencate effettuerete una serie di upgrade che cambieranno radicalmente la vostra esperienza in sella, incidendo su un comportamento più avanzato e permissivo della mountain bike che vi permetterà di apprezzarne ulteriormente il funzionamento. L’upgrade proposto può essere inteso anche per singolo componente, in modo tale da ottenere una crescita step by step.